Logo Alperia
Dall'Italia

Ambiente, in Italia bonificati 160 siti inquinati

Il deputato Micillo: «Entro il 2024 non pagheremo più sanzioni europee per discariche abusive»

21 Gennaio 2021

Nel dicembre del 2014 la Corte di Giustizia Europea condannava e sanzionava l’Italia per la presenza sul territorio nazionale di 200 siti di discariche abusive, dopo un lungo procedimento di infrazione iniziato nel 2003.

 

Oggi, dopo 6 anni, il nostro Paese ha bonificato o messo in sicurezza 160 siti. Ne restano ancora 40 da regolarizzare. Il risultato dell’impegno sulla bonifica dei siti inquinati è la conseguente riduzione della sanzione semestrale che è passata da € 42.800.000 del dicembre 2014 agli attuali € 8.600.00,00 da corrispondere all’Unione Europea ogni sei mesi.

 

La task force coordinata dal Gen. B. CC Giuseppe Vadalà, Commissario straordinario per la realizzazione degli interventi necessari all’adeguamento alla normativa vigente delle discariche abusive presenti sul territorio nazionale, in questi tre anni e mezzo di attività l’Ufficio del Commissario ha svolto la propria azione secondo due direttrici principali: promozione e coordinamento degli iter amministrativi dei lavori da svolgere con le Regioni e i Comuni attraverso le stazioni appaltanti; analisi dei contesti operativi per la prevenzione degli illeciti.

 

«Entro il 2024 l’Italia non pagherà più le sanzioni europee per le discariche abusive, in 10 anni di lavoro della struttura di missione (una task force messa a disposizione dall’Arma, composta da nove militari, di cui tre ufficiali), potremo restituire interi territori ai cittadini italiani». Così commenta il deputato Salvatore Micillo, componente della Commissione Ambiente alla Camera.

 

(ph: Shutterstock)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.