Logo Lidl Italia
SPECIALE SALUTE WEB FEST

Vaccini, Pregliasco: «Comunicazione errata e generalista ha innescato paura»

Il virologo: «Alcuni temono il farmaco più della stessa malattia»

6 Maggio 2021

«C’è stata quella che potremmo definire un’infodemia, quindi una grandissima quantità di informazioni e di opinioni diverse e di interessi contrapposti rispetto alle chiusure, che determinano oggettivamente gravi danni psicologici ed economici», questo quanto il virologo Fabrizio Pregliasco ha dichiarato durante il suo intervento al SALUTE WEB FEST, che si tiene in digitale dal 6 al 10 maggio sulle piattaforme e canali social Vvox e WebSalute.

 

Pregliasco, interpellato sul Covid, ha parlato di  «una malattia variegata, e che nella maggior parte dei casi è una malattia inapparente, come l’influenza. Seppur statisticamente i casi gravi sono pochi – ha proseguito -, in termini assoluti stiamo assistendo a quei 400morti al giorno, ai quali ci siamo anche abituati. Ci si abitua a tutto, alla paura, all’emergenza. Ma ora c’è un oggettivo sfiancamento».

 

In merito alla responsabilità individuale e collettiva il virologo ha affermato: «La maggior parte degli italiani sta seguendo le nostre indicazioni e disposizioni, che hanno quale fine quello di ridurre i contatti. Ma purtroppo c’è chi è troppo spaventato e chi è più sportivo».

 

 

E sulla campagna vaccinale e la comunicazione attorno ad essa, il virologo ha affermato: «Ad oggi non c’è un obbligo legislativo per la popolazione. La comunicazione che c’è stata sul vaccino purtroppo ha portato alcuni a temere più il vaccino della malattia. E questo è causa di una comunicazione errata, generalista. Purtroppo bisogna anche stare molto attenti a come si parla. Perché se si parla bene dei vaccini, si passa per amici delle Big Pharma e non è vero, ma non si può neppure incutere timori o paure come avvenuto con alcuni sieri».

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *