Logo Alperia
Focus Veneto

Vaccinazione farmacisti: la protesta del Presidente dell’ordine della provincia di Padova

Cirilli alle Istituzioni: «Siamo fantasmi, in un limbo»

17 Febbraio 2021

Riceviamo e pubblichiamo la lettera aperta, inviata dal Presidente dell’Ordine dei Farmacisti della Provincia di Padova e rivolta a tutti gli iscritti, avente per oggetto la vaccinazione della categoria professionale.

 

“Care colleghe e cari colleghi,
cerco di mettere un punto fermo sulla situazione “Vaccinazione Farmacisti”. Ho scritto agli enti preposti, richiesto appuntamenti svariate volte e segnalato il problema sui media locali; per questo motivo allego l’ultima comunicazione da me inviata ai referenti della Campagna di Vaccinazione Covid-19 dell’U.L.S.S. 6 Euganea di Padova e la risposta ricevuta (All.1). Lascio a Voi giudicare.

Vi segnalo inoltre, che ieri si è tenuto un incontro tra la Consulta degli Ordini dei Farmacisti del Veneto e il Direttore Generale Sanità della Regione Veneto, Dott. Luciano Flor, il quale ha confermato che, in questo preciso momento, non ci sono vaccini per tutti.

 

Desidero ora dismettere i panni istituzionali per dirVi che oggi 16.02.2021, leggendo un quotidiano, ho visto che vengono riportate le fasi di vaccinazione della Regione Veneto, dove viene scritto che è ancora tutta da definire la questione riguardante la vaccinazione di alcune categorie: soggetti under 55, personale dell’amministrazione generale, farmacisti, informatori scientifici e lavoratori di altri servizi essenziali. Sono rimasto basito, tutto quello che abbiamo fatto durante quest’anno, specialmente nel primo periodo, con tutte le farmacie aperte e tutti gli studi medici chiusi, 25 colleghi deceduti per Covid-19 nell’espletamento del loro lavoro, non è servito a nulla.

 

Siamo fantasmi, in una specie di limbo. Questo sta a dimostrare la considerazione della parte pubblica nei nostri confronti, evidentemente è meno di niente. Tuttavia, quello che ci rende estremamente felici, è l’alta considerazione che hanno di noi i cittadini, ovvero, la dimostrazione di un servizio attento, professionale, preciso e umano. I cittadini sanno che siamo sempre a loro disposizione, senza alcun tipo di prenotazione.

 

Tutto quello che so sulla sulla vaccinazione dei farmacisti in Veneto, specialmente a Padova, è quello che ho appena scritto. Per questo motivo, se avete necessità di avere informazioni, ulteriori delucidazioni, invito tutti Voi a scrivere un’email direttamente ai referenti del Dipartimento di Prevenzione Igiene e Sanità Pubblica dell’U.L.S.S. 6 Euganea di Padova (dipartimento.prevenzione@aulss6.veneto.it)”

 

Per visionare il documento originale: Lettera aperta agli iscritti

La risposta di un farmacista dell’Ordine provinciale:

 

Ciao Presidente,
 
Ti ringrazio per l’orgoglio con il quale stai difendendo tutti noi e ti voglio far sapere che sono al tuo fianco senza distinguo nè incertezze.
 
Per quanto sta in me, sono disposto a rinunciare al mio vaccino per donarlo a chiunque ne abbia più bisogno di me; questo è un impegno che prendo di fronte al mio Presidente e che onorerò, a patto che quel vaccino mi venga riconosciuto. Voglio il vaccino al quale ho diritto come Farmacista, lo voglio nei tempi rapidi che sono improrogabili e qui, con te come garante, mi impegno a cederlo a un cittadino la cui salute sia meno buona della mia.
 
Questo posso fare, come Farmacista e come Italiano, ma pretendo rispetto dalle istituzioni che dovrebbero rappresentarmi.
Alessandro Cupellini, Farmacista

(ph: Shutterstock)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *