Logo Alperia
Ultima ora

Ucraina, Stoltenberg: “Russia preme su fronte, più risorse e aiuti stabili a Kiev”

3 Aprile 2024

(Adnkronos) – La Russia preme sul fronte e “ogni ritardo nel fornire sostegno” all’Ucraina “ha conseguenze sul campo di battaglia”. Lo sottolinea il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg, a margine della ministeriale Esteri a Bruxelles dove, compiacendosi “del fatto che gli alleati continuino a consegnare grandi quantità di armi, munizioni ed equipaggiamenti a Kiev”, sottolinea come “il Paese ha necessità urgenti”.  

Da parte di Mosca “vediamo un costante aumento della pressione militare. Vediamo che ricevono quantità significative di munizioni e armi da Corea del Nord e Iran. Vediamo che la Russia è stata in grado di mettere l’economia sul piede di guerra e che è disponibile a pagare un prezzo molto elevato in termini di uomini e materiali, per ottenere progressi marginali sul campo di battaglia in Ucraina, con poco o nessun rispetto per le vite umane”, afferma Stoltenberg. “E’ questo il motivo – conclude – per cui la situazione al fronte è così difficile. Ed è proprio per questo che dobbiamo fare di più” per aiutare Kiev.  

“Dobbiamo cambiare dinamica – spiega – assicurando una assistenza prevedibile nel campo della sicurezza all’Ucraina, con meno contributi volontari e più con impegni Nato, meno con offerte a breve termine e più con impegni” a lungo termine. “Pertanto – prosegue – i ministri discuteranno di come la Nato possa assumere maggiori responsabilità per coordinare la consegna di equipaggiamento militare e l’erogazione di addestramento per l’Ucraina, ancorando tutto questo all’interno di un robusto quadro Nato”.  

 

Nella ministeriale Esteri della Nato, spiega Stoltenberg, “discuteremo anche di un impegno finanziario pluriennale per sostenere gli aiuti” all’Ucraina nella guerra contro la Russia. Questo, aggiunge, “manderà anche il messaggio a Mosca che non possono aspettare che cediamo. La realtà è che, se vogliamo che questa guerra finisca, prima convinciamo Mosca che non riuscirà a vincere sul campo, prima saremo in grado di raggiungere un accordo di pace per cui la Russia realizzi che non può vincere, che deve sedersi al tavolo e negoziare un accordo per cui l’Ucraina prevale come nazione indipendente e sovrana”.  

Stoltenberg non ha confermato, ma neanche smentito, che l’obiettivo sia di creare un fondo da 100 miliardi di dollari, spiegando che non saranno prese decisioni nella ministeriale di questi due giorni, ma che si cercherà di “avanzare nel consenso”, con l’obiettivo di arrivare ad una intesa nel summit di Washington nel prossimo luglio. “E’ importante che gli alleati prendano decisioni rapidamente” sugli aiuti all’Ucraina, “inclusi gli Stati Uniti d’America”, ha sottolineato, ribadendo che lUcraina “diverrà un membro della Nato. E’ questione di quando, non di se”. 

 

Le forze russe hanno attaccato 13 oblast dell’Ucraina nell’ultimo giorno di guerra, uccidendo tre persone e ferendone 21, compresi bambini. Lo hanno riferito le autorità regionali. La Russia ha lanciato un attacco missilistico contro la città di Dnipro nel pomeriggio di ieri, ha riferito il governatore dell’oblast di Dnipropetrovsk Serhii Lysak, ferendo almeno 18 persone. Dodici dei feriti, tra cui cinque bambini, sono stati ricoverati in ospedale. 

Un istituto scolastico è stato danneggiato a seguito dell’attacco, ma i bambini si sono riparati in un rifugio antiaereo quando è avvenuto il raid, ha detto Lysak. Secondo il governatore della città sono stati danneggiati complessivamente quattro istituti scolastici, nove condomini e 25 automobili. Nell’oblast di Donetsk, gli attacchi russi hanno ferito tre residenti di Mykolaivka, ha riferito il governatore Vadym Filashkin. 

La Russia ha attaccato 15 insediamenti nell’oblast di Kharkiv, ha detto il governatore Oleh Syniehubov. Le forze di Mosca hanno colpito il villaggio di Novoosynove, uccidendo sul colpo un uomo di 58 anni. Suo figlio di 11 anni è morto più tardi in ospedale a causa delle ferite riportate, ha aggiunto Syniehubov. 

Nella regione di Kherson, gli attacchi russi hanno ucciso una persona, ha dichiarato il governatore Oleksandr Prokudin. L’uomo di 79 anni è stato ucciso quando le forze russe hanno colpito il villaggio di Tokarivka. Anche le oblast di Chernihiv, Luhansk, Mykolaiv, Sumy e Zaporizhzhia sono state sotto attacco, ma le autorità locali non hanno riportato morti o feriti. 

 

“La Russia sta devastando città e villaggi in tutta l’Ucraina, è implacabile nel bombardare in particolare le zone di frontiera e di prima linea”, ha scritto su X il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, aggiungendo che “nulla di tutto ciò sarà possibile quando l’Ucraina riceverà sistemi di difesa aerea affidabili in grado di salvare vite umane e ripristinare la sicurezza nelle nostre città. I Patriot nelle mani degli ucraini hanno dimostrato che tutte le forme di terrore russo possono essere sconfitte”. 

 

Le forze russe hanno lanciato inoltre tre missili guidati antiaerei S-300 e quattro droni d’attacco Shahed contro l’Ucraina durante la notte, ha riferito l’aeronautica militare di Kiev, aggiungendo che le unità di difesa aerea hanno intercettato con successo i quattro droni russi. Secondo l’aeronautica militare, i droni sono stati lanciati da Primorsko-Akhtarsk, in Russia. Gruppi di fuoco mobili hanno abbattuto i droni sulle oblast di Khmelnytskyi, Zhytomyr, Kirovohrad e Cherkasy. 

Nelle ultime settimane le forze russe hanno lanciato raffiche di missili e droni contro le infrastrutture energetiche ucraine. Un attacco di droni sulla città di Dnipro ieri ha ferito almeno 18 persone, tra cui cinque bambini. 

 

La Russia ha perso 444.370 soldati in Ucraina dall’inizio della guerra, il 24 febbraio 2022. Lo ha riferito lo Stato maggiore delle forze armate ucraine. Questo numero comprende 710 vittime delle forze russe subite nell’ultimo giorno. 

Secondo il rapporto , la Russia ha perso anche 7.009 carri armati, 13.368 veicoli corazzati da combattimento, 14.813 veicoli e serbatoi di carburante, 11.142 sistemi di artiglieria, 1.025 sistemi di razzi a lancio multiplo, 745 sistemi di difesa aerea, 347 aerei, 325 elicotteri, 8.796 droni, 26 imbarcazioni e un sottomarino. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *