Logo Alperia
Regioni e governo

Tumore seno: la via italiana per sconfiggerlo, dalla prevenzione al supporto psicologico

Il Policy Act verrà consegnato alle Istituzioni giovedì 28 marzo alla Camera dei Deputati

26 Marzo 2024

Una strategia “globale” che inizia dalla prevenzione e dagli screening e si conclude solo con il ritorno a una vita di buona qualità per le pazienti: questa la possibile nuova via italiana nella lotta al tumore alla mammella, strategia frutto del lavoro della prima Consensus “Innovation in Breast Cancer”, 3 Tavoli Tecnici composti da oltre 40 luminari che, in una serie d’incontri di lavoro, ha redatto un Documento Programmatico da cui è scaturito il  𝐏𝐨𝐥𝐢𝐜𝐲𝐀𝐜𝐭 2024 s𝐮𝐥𝐥𝐞 𝐍𝐮𝐨𝐯𝐞𝐅𝐫𝐨𝐧𝐭𝐢𝐞𝐫𝐞 𝐧𝐞𝐢 𝐓𝐮𝐦𝐨𝐫𝐢 𝐝𝐞𝐥𝐥𝐚 𝐌𝐚𝐦𝐦𝐞𝐥𝐥𝐚, indirizzato all’intergruppo Parlamentare sulle Nuove Frontiere Terapeutiche nei Tumori della Mammella, Presieduto dall’On. Simona Loizzo.

Il Policy Act, contiene le linee di indirizzo per gli interventi normativi finalizzati a portare l’eccellenza nella strategia sanitaria e  verrà consegnato alle Istituzioni giovedì 28 marzo alla Camera dei Deputati, durante una giornata di lavoro a cui prenderanno parte, tra gli altri, il Ministro della Salute, Orazio Schillaci, On. Simona Loizzo, Presidente dell’Intergruppo che ha fortemente sostenuto questa iniziativa, Francesco Vaia, Direttore Generale della Prevenzione Sanitaria, Ministero della Salute, Marcello Cattani, Presidente FARMINDUSTRIA, Carmine Pinto, Coordinatore Consulta Innovation in Breast Cancer e Direttore di Struttura Complessa Oncologia Medica Provinciale AUSL-IRCCS Reggio Emilia.

A costituire il piatto forte della giornata, le sessioni in cui verranno esposti, dai clinici che lo hanno redatto, i pillar su cui si regge il Policy Act: prevenzione e screening, accesso ai test e ai trattamenti innovativi, uniformità dei PDTA regionali, e gli aspetti che riguardano la qualità della vita delle pazienti come la chirurgia ricostruttiva, l’accudimento dermatologico, la psiconcologia, il supporto nutrizionale. Il tutto con l’importante partecipazione e supporto della comunità delle pazienti, rappresentate da Europa Donna.

 

(ph: Shutterstock)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *