Logo Lidl Italia
SPECIALE SALUTE WEB FEST

Sanità, Quintavalle (Policlinico Tor Vergata): «Il futuro? Teleassistenza, tecnologia, territorio»

Il dg del polo capitolino: «Tra qualche anno nel sistema sanitario nulla sarà più come ora»

10 Maggio 2021

«Non siamo ancora fuori dalla pandemia, questo ci tengo a precisarlo. Dobbiamo quindi pensare a come ripartire durante la pandemia». A dichiararlo, nel corso del suo intervento al SALUTE WEB FEST, nella giornata dedicata al tema della ripartenza, è stato Giuseppe Quintavalle, Dg del Policlinico Tor Vergata di Roma.

 

«E quando parliamo di pandemia – ha precisato Quintavalle – non dobbiamo solo guardare all’ambito sanitario, ma a tutta una serie di ricadute socio economiche che questa comporta. Per uscirne dobbiamo quindi vaccinare tutti, ma purtroppo stiamo riscontrando una serie di difficoltà dovute a una serie di ritardi da un lato, nonostante nel Lazio siamo pronti con i nostri mega hub a vaccinare costantemente; dall’altro, ci ritroviamo costretti a convincere le persone che tutti i vaccini sono sicuri. Importante è far capire che abbiamo 4 armi a disposizione e che dobbiamo usarle tutte. Stati Uniti e Regno Unito  insegnano che una campagna immediata e veloce è importante per poter poi ripartire. E noi dobbiamo ripartire».

 

 

Ha sottolineato ancora il dg del Policlinico capitolino: «Nel mondo sanitario invece dobbiamo ripartire da alcuni insegnamenti, perché tra qualche anno la sanità non sarà più quella che conosciamo o alla quale siamo abituati. Sono già in corso alcune modifiche, ma ce ne saranno altre. Dobbiamo guardare alle 3 T: tecnologia, teleassistenza e territorio. Questo – ha proseguito Quintavalle – comporterà anche ciò che da sempre auspico: una sburocratizzazione dei sistemi sanitari. Ciò significa che tutto ciò che sarà possibile fare da casa, o comunque a distanza, si farà. Le infrastrutture digitali poi aumenteranno la presa in carico tra territorio e ospedale. Ma affinché tutto questo funzioni bisogna intentare un percorso interdisciplinare».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *