Logo Alperia
Regioni e governo

Sanità lombarda, Bertolaso contro Moratti sulle liste d’attesa: «Irrisolte»

Assessore al Welfare: «Inaccettabili per certe prestazioni». Presidente: «Poco tempo, ma decisi»

21 Novembre 2022

L’assessore al Welfare Guido Bertolaso attacca l’operato del proprio predecessore, Letizia Moratti, pur senza nominarlo: il nuovo esponente della giunta Fontana annuncia a tal proposito nuove direttive «entro fine mese». Il tema sono le liste d’attesa, su cui Bertolaso contesta la poca organizzazione impostata in precedenza.

«Anche se il tempo a nostra disposizione è breve, stiamo lavorando per migliorare quelli che sono i colli di bottiglia per una sanità di eccellenza, come quello sulle liste di attesa che stiamo affrontando. Non basta, come è successo nel passato, dire “adesso le riduciamo” e dare degli obiettivi ma bisogna capire come questi obiettivi si conseguono, bisogna lavorarci dal di dentro e bisogna capire per cui in certe situazioni si ricevono appuntamenti a 6-7 mesi di distanza», afferma l’assessore nel corso dell’inaugurazione della Fondazione Niguarda all’ospedale Maggiore. Per Bertolaso «è qualcosa di inaccettabile per una sanità come quella che c’è in Lombardia, è questione di organizzazione».

A margine, il presidente lombardo Attilio Fontana ritorna sul nuovo corso che la Lombardia intende intraprendere. «Sulle liste d’attesa si sta facendo un intervento sostanziale, molto deciso», risponde a chi chiede conto della virata. La sensazione condivisa dal presidente è che qualcosa non funzionasse. «C’era una diversa impostazione – chiosa il governatore – e sono convinto che otterremo grandi risultati».

 

Fonte: Dire

(ph: Imagoeconomica)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *