Logo Alperia
Economia e lavoro

Sanità, FIMMG Veneto: «Su formazione in MMG ritardo inaccettabile»

E chiede subito il Bando

14 Novembre 2022

Il 2022 è quasi finito e non c’è ancora traccia del Bando di Concorso per l’ammissione al Corso di Formazione Specifica in Medicina Generale per il Triennio 2022-2025.

FIMMG Veneto sottolinea con disappunto ed estrema preoccupazione il ritardo: «un ulteriore grave segnale di come la Regione Veneto sottovaluti, ancora oggi, la carenza di Medici di Assistenza Primaria».

 

FIMMG Veneto, da molto tempo ormai, «sollecita la Regione a concordare con le organizzazioni sindacali l’analisi dei problemi e la riorganizzazione territoriale delle cure primarie con modelli che supportino i bisogni della popolazione e la dignità del lavoro dei medici di famiglia».

Il ritardo nella pubblicazione del Bando rappresenta per la sigla sindacale «un ulteriore indicatore negativo sulla volontà della Regione di prendere iniziative strutturali per sostenere il superamento di questo periodo emergenziale. La formazione del medico di Assistenza Primaria, in tutto il suo percorso di vita professionale, dovrebbe essere un punto di partenza non eludibile».

Anche perché, lamenta ancora FIMMG Veneto «i medici in formazione specifica possono assumere incarichi durante il periodo formativo. Questo, dunque, amplifica il nostro disappunto: ogni ritardo di programmazione viene da noi interpretato come una precisa scelta politica. Ostacolare, anche solo per inerzia burocratico-amministrativa, il ricambio generazionale pone quesiti sulla reale volontà della Regione Veneto di credere e investire nell’Assistenza Primaria».

 

Le richieste di FIMMG Veneto:

  • provvedere con urgenza alla pubblicazione del Bando di Concorso per l’ammissione al Corso di Formazione Specifica in Medicina Generale per il Triennio 2022-2025;
  • avviare le procedure che dovranno garantire le Borse per il Triennio 2023-2026.

 

FIMMG Veneto sollecita, inoltre, la ripresa immediata dei tavoli istituzionali per concordare il nuovo Accordo Integrativo Regionale.

 

(ph: Shutterstock)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *