Logo Alperia
Salute e benessere

Salute, per ripresa post coda influenzale ‘cibo sano, buon sonno e no pigrizia’

7 Maggio 2024

(Adnkronos) – La ‘coda’ delle sindromi influenzali in queste ultime settimane ha colpito duro mettendo molti italiani a letto. E i tipici strascichi post influenzali si sono spesso sommati agli effetti del cambio di stagione, acuendo il senso di stanchezza e fatica. Per la ripresa “non c’è una bacchetta magica. Serve ricalibrare gli stili di vita: alimentazione sana, buon sonno, movimento, mai scordarsi di bere e anche vita sociale”. A dettare la ‘ricetta’ è Giorgio Sesti, ordinario di Medicina interna all’università Sapienza di Roma e presidente della Società italiana di medicina interna (Simi).  

Il primo consiglio è quello di adottare “una corretta alimentazione, quindi mangiare in maniera equilibrata, non saltare i pasti, non esagerare ovviamente con bevande alcoliche e con bevande eccitanti come possono essere il caffè, il tè, che possono acuire il senso di agitazione”. Importante, poi, aggiunge Sesti, è “fare una costante attività motoria, ma chi in questi periodi ha allergie deve fare particolare attenzione, evitando le attività all’aperto e seguire le terapie “. Per tutti gli altri valgono le regole standard. “Chi svolge un lavoro sedentario deve ricordare che ogni 30 minuti bisogna alzarsi e fare 3-5 minuti di movimento, stretching, salire e scendere un piano a piedi e così via”.  

Altro aspetto fondamentale “è il sonno, quindi dormire, evitare di fare tardi, di bere alcolici la sera o caffè e il tè. Evitare di avere sistemi audiovisivi nella camera, la televisione, il pc, il telefonino e tutto quello che può distrarre dal fare un sonno che ci ricarichi. Durante il sonno, infatti, noi ricarichiamo il nostro organismo un po’ come le batterie”, ricorda il medico internista. Per quanto riguarda gli integratori, “il concetto – puntualizza – è che si integrano solo le carenze. Se faccio una dieta sbilanciata o una dieta estrema o una dieta povera di alimenti, allora lì devo integrare. Chi ha un’alimentazione equilibrata non ne ha bisogno”. Inoltre, “cosa importantissima è bere. Beviamo sempre troppo poco, invece è fondamentale per tenere sia i nostri reni in funzione, sia per evitare una concentrazione del sangue e delle urine”. Infine, conclude Sesti, va evitato l’errore più frequente: quello di “lasciarsi andare alla stanchezza, rifiutare rapporti sociali. E’ sbagliato, perché la convivialità aiuta la ripresa”.  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *