Logo Alperia
Economia e lavoro

Reintegro medici non vaccinati, FNOMCeO: «Numero irrilevante»

Negli ospedali ne torneranno circa mille, molti sono liberi professionisti

2 Novembre 2022

Oggi sono 3.500 i medici non vaccinati. 1.878 dei quali di età non pensionabile e quindi potrebbero essere ricollocati nelle strutture sanitarie.

«In buona parte però, dalla nostra percezione, si tratta di professionisti. Questo vuol dire che circa mille torneranno negli ospedali, stiamo parlando di numeri bassissimi». È quanto riporta all’Adnkronos Salute il presidente della Federazione nazionale degli Ordini dei medici chirurghi e degli odontoiatri (FNOMCeO), Filippo Anelli, fornendo i dati aggiornati sugli iscritti che, scaduto l’obbligo vaccinale, potranno tornare a lavoro.

 

Il numero di chi non si è immunizzato, insomma, per il vertice dell’ordine dei medici «è irrilevante: 3.500 su 468mila, meno dell’1%. È evidente che la stragrande maggioranza dei medici ha ritenuto che il vaccino fosse un presidio fondamentale per esercitare la professione», aggiunge Anelli.

 

I professionisti reintegrati, insomma, sono «pochissimi a fronte di una carenza che sfiora i 20mila medici», conclude Anelli ricordando che i medici che ora tornano a lavorare dopo la sospensione, in ogni caso, «saranno collocati in situazioni in cui non possano rappresentare rischi per i pazienti, non andranno certamente in quei reparti dove c’è un livello alto di fragilità».

 

(ph: Imagoeconomica)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *