Ultima ora
Logo Alperia
Approfondimenti

Procreazione medicalmente assistita: vent’anni di legge 40

Circa 14.000 bambini all’anno nati dopo l’eliminazione di divieti incostituzionali

9 Febbraio 2024

Il 10 febbraio 2004 veniva approvata dal Parlamento la legge 40, “Norme in materia di procreazione medicalmente assistita”. Il 19 dello stesso mese firmata e poi pubblicata in Gazzetta Ufficiale per entrare in vigore Il 10 marzo.
Una legge colma di divieti incostituzionali contro il diritto alla salute riproduttiva, alla libertà di scelta nell’accesso alle cure e contro la libertà di ricerca scientifica, che l’Avvocata Filomena Gallo insieme all’Associazione Luca Coscioni, di cui è Segretaria, e ad altre associazioni di pazienti e coppie ha da subito posto al centro di un’incessante azione politica e di difesa legale.
Nel 2005 (il 12 e 13 giugno) venne promosso un referendum popolare sull’abrogazione di buona parte dei divieti che andavano contro il diritto alla salute. Non fu raggiunto il quorum ma l’80% di chi votò scelse di cancellare le proibizioni sulla fecondazione assistita e sulla ricerca sulle cellule staminali embrionali. Negli anni l’Associazione Luca Coscioni ha attivato giurisdizioni nazionali e internazionali rendendo possibile: 1. la fecondazione di più di tre gameti cancellando l’obbligo di contemporaneo impianto, 2. la fecondazione eterologa, 3. l’accesso alla PMA per le coppie fertili portatrici di patologie genetiche.
Restano il divieto di ricerca scientifica sugli embrioni non idonei per una gravidanza, su cui il Parlamento è stato chiamato a legiferare nel 2016 dalla Consulta, la discriminazione di accesso alle tecniche e la disuguaglianza tra Regioni. Oggi lottiamo con chi per diventare genitore ha bisogno di accedere alla gravidanza solidale per altri, senza commercializzazione, con garanzie e tutele di tutti i soggetti coinvolti. Una proposta di legge elaborata da Filomena Gallo e altre associazioni è attualmente depositata in Parlamento, a firma Riccardo Magi (alla Camera) e Ivan Scalfarotto (Senato).

«Sono trascorsi 20 anni, molti governi e legislature sono cambiati, ma non è mai il momento di parlare di una riforma della legge che ci vedeva secondi solo al Costa Rica per numeri e qualità dei divieti nell’applicazione di tecniche che ‘consentono’ – così dice la legge – la fecondazione medicalmente assistita per provare ad avere un figlio» ha dichiarato Filomena Gallo, avvocata e segretaria dell’Associazione Luca Coscioni.
«Non finirò mai di ringraziare le tante coppie che in questi anni ho difeso dalla legge 40, perché hanno deciso di dire no a una legge che impediva loro di diventare genitori. Grazie alle conquiste raggiunte con l’intervento della Corte costituzionale dal 2010 ogni anno nascono circa 14.000 bambini che altrimenti non sarebbero mai nati. Continueremo a ricorrere ai tribunali per eliminare gli ultimi divieti».

 

(ph: Shutterstock)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *