Firenze

IT-alert, oggi il primo test dell’allarme della Protezione Civile che segnala le emergenze

Proprio nel giorno della prova generale, a Poggibonsi è stata registrata una forte scossa di terremoto

28 Giugno 2023

La Toscana è la prima regione a sperimentare l’allerta via smartphone in tempo reale della protezione civile. Oggi, poco dopo le 12, sono arrivati sulle schermate dei telefoni dei residenti, ma anche dei turisti soggiornanti in Toscana, il testo e il suono di allerta di IT-alert, il sistema messo a punto dalla protezione civile nazionale per informare i cittadini nel caso di un evento calamitoso.

In piazza Duomo a Firenze, davanti alla sede della presidenza della Giunta regionale, il governatore della Toscana, Eugenio Giani, ha atteso il palesarsi del messaggio per poter salutare questo nuovo traguardo: «Puntualmente alle 12.03 è arrivato il duplice messaggio. Da un lato il testo, che tutti hanno potuto vedere sul telefonino, dall’altro il suono che mette in allerta  ̶  spiega Giani  ̶  però state tutti tranquilli, non c’è né da chiamare il 112 né da attivarsi. È un allarme che abbiamo voluto sperimentare e ringrazio la protezione civile nazionale, il suo capo Fabrizio Curcio di averlo voluto fare per la prima volta in Toscana».

 

Questo, rileva, «sarà il modo con cui di fronte a un incendio, a una calamità, a un’alluvione cerchiamo di entrare in contatto con tutti: non solo coi residenti, ma anche con coloro che sono in Toscana per turismo o altri motivi. Attraverso le celle della rete che irradia il messaggio whatsapp noi possiamo essere in grado di avvertire su comportamenti che diventano buona pratica da tenere per prevenire, in caso di calamità, qualsiasi danno alle persone e alle cose».

Potrebbe interessarti anche:  Rdc, Calderone: «Non c'è una segnalazione di tensione. I numeri sono gestibili»

 

E per una sfortunata coincidenza alle 12.19, quindi pochissimi minuti dopo l’invio dell’IT-alert a Poggibonsi la terra ha tremato, registrando una scossa di magnitudo 3.7. Un evento che ha richiamato la strettissima attualità della necessità di dotarsi di uno strumento di prevenzione e informazione.

Le prossime regioni che sperimenteranno l’IT-alert saranno la Sardegna, il 30 giugno, e la Sicilia il 5 luglio.

 

Fonte: Dire

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *