Ultima ora
Logo Alperia
NEOMAMME WEB FEST

I genitori e l’educazione come dovere nei confronti dei figli e i diritti dei figli

Dialogo con gli avvocati Cristiano Carlucci e Roberta Dall’Oglio

14 Marzo 2022

La Costituzione Italiana ha previsto alcuni articoli che trattano i diritti dedicati alla famiglia: il diritto di educare, di mantenere gli studi, ad esempio, e l’inadempienza di essi può avere una rilevanza sia di natura penale che di natura civile.

Come affermato dall’avvocato Cristiano Carlucci: «L’articolo 31 della Costituzione prevede che la Repubblica agevoli con misure economiche ed altre provvidenze la formazione di nuove famiglie, con particolare riguardo alle famiglie numerose.  Tre misure su tutte al momento potrebbero essere: il reddito di cittadinanza, l’assegno unico per i figli che ha sostituito una misura precedente e che adesso è fruibile anche dalle partite iva sarebbe la misura precedente sarebbe l’assegno familiare, l’esenzione dal ticket sanitario e la carta acquisti».

L’Italia mostra ancora una carenza in termini assistenziali ai cittadini e alle famiglie; ultimamente sembra che la rotta si stia però invertendo.

 

«Esistono soprattutto diritti per i figli – ha aggiunto l’avvocato Roberta Dall’Oglio – in particolar modo essi entrano in gioco in fase di separazione dei genitori. Non a caso è stata creata dal Garante per l’Infanzia una carta dei diritti dei figli, tra i cui articoli rinveniamo il diritto di continuare ad essere figli e di vivere la loro età. Due aspetti che appaiono scontati, ma scontati non sono, perché il diritto dei figli di poter mantenere un rapporto equilibrato di affetto con entrambi i genitori senza essere costretti a subire delle pressioni è un diritto sacrosanto del quale non devono essere in alcun modo privati».

Le situazioni di crisi in famiglia possono mettere quindi sotto pressione i figli e minacciare i loro diritti, ma è un dovere per i genitori gestire il momento in maniera costruttiva, cercando di ridurre il conflitto grazie a una separazione consensuale ad esempio, e contattando professionisti che siano in grado di aiutare la coppia.

 

(ph. Shutterstock)

Nicolo' Muraro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *