Logo Alperia
Ultima ora

Gaza, l’ottimismo dei mediatori e lo stallo di Hamas. Israele si divide su Rafah

5 Maggio 2024

(Adnkronos) – Mediatori ottimisti, ma l’accordo tra Israele e Hamas per una tregua a Gaza e il conseguente rilascio degli ostaggi in mano all’organizzazione dal 7 ottobre ancora non c’è. Nella lunga trattativa al Cairo a pesare al momento è l’indecisione di Hamas, che ancora ieri sera non ha consegnato una risposta ai negoziatori rispetto all’ultima proposta ricevuta. Una indecisione che ha portato Tel Aviv a scegliere di non inviare la sua delegazione in Egitto finché non arriverà una replica ufficiale. 

Se i mediatori per tutta la giornata hanno parlato di “progressi significativi”, l’organizzazione islamista – attraverso diverse dichiarazioni alla stampa – ha spiegato di aver messo al centro dei negoziati “l’insistenza” del primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu affinché lo Stato ebraico entri a Rafah indipendentemente da un potenziale accordo. Questo l'”elemento chiave” in discussione nei colloqui del Cairo secondo il portavoce di Hamas Osama Hamdan, che ieri ha precisato come “sfortunatamente, c’è stata una chiara dichiarazione” da parte del premier “secondo cui, indipendentemente da ciò che potrebbe accadere, se ci fosse o meno un cessate il fuoco, vi sarà l’attacco. Ciò è in contraddizione rispetto ai colloqui in corso”, le parole del portavoce. 

“Vogliamo almeno sapere esattamente cosa significa la dichiarazione” di Netanyahu, ha quindi aggiunto Hamdan. “Ciò che noi intendiamo è che qualsiasi raggiungimento di un cessate il fuoco significa che non ci saranno più attacchi contro Gaza e Rafah”, la richiesta. 

Hamas, stando alle ultime indiscrezioni sui media, sarebbe comunque pronto a rilasciare 33 ostaggi israeliani durante la prima fase dell’accordo con Israele. “Alti funzionari israeliani affermano che ci sono prime indicazioni che Hamas accetterà di portare a termine la prima fase dell’accordo – il rilascio umanitario degli ostaggi – senza un impegno ufficiale da parte di Israele a porre fine alla guerra”, l’annuncio su X del reporter di Axios, Barak Ravid. Un passo avanti visto che Israele, ribadiva ancora ieri un funzionario israeliano vicino ai colloqui, “non accetterà in alcuna circostanza la fine della guerra come parte di un accordo per il rilascio dei nostri ostaggi”. 

Sul nodo guerra, la tv israeliana Channel 12 aveva riferito ieri che gli Stati Uniti avrebbero dato ad Hamas la garanzia che l’accordo porterà alla fine della guerra a Gaza. Circostanza smentita dalla fonte diplomatica di Tel Aviv, secondo cui “non sono vere” le notizie che sostengono che “Israele ha accettato la fine della guerra nell’ambito dell’accordo sugli ostaggi o che Israele permetterà ai mediatori di dare garanzie sulla fine della guerra”.  

Intanto anche il leader di Hamas, Yahya Sinwar, ha discusso per la prima volta la proposta di accordo attraverso i suoi rappresentanti, affermando che si tratta dell’offerta più vicina alle richieste dell’organizzazione islamista, scrive il Wall Street Journal citando mediatori arabi. Secondo il quotidiano americano, Sinwar ha sollevato diversi avvertimenti e i mediatori arabi hanno affermato che Hamas dovrebbe presentare “presto” una controproposta. 

Tra i passi avanti compiuti dalla Stato ebraico, ci sarebbe invece il rilascio di Marwan Barghouti. Un rapporto di Maariv, che citava il canale saudita Asharq, riporta infatti che Israele non si oppone più alla liberazione del detenuto ma insiste per rilasciarlo a Gaza e non in Cisgiordania. È stato anche riferito – scrive il Jerusalem Post – che Hamas dovrebbe richiedere il suo nome sulla lista della prima fase dell’accordo. Barghouti, ex leader dei Tanzim, una fazione militante del movimento palestinese Fatah, è stato condannato nel 2004 da un tribunale israeliano a cinque ergastoli cumulativi e 40 anni di prigione per atti terroristici in cui cinque israeliani furono uccisi e molti feriti.  

La bozza di accordo su cui si sta trattando è la migliore dall’inizio dei negoziati e “l’accettazione è imminente”, spiega intanto un’alta fonte araba a Sky News Arabia, salvo esprimere poi il timore che “entrambe le parti possano fare una svolta a 180 gradi e tornare al punto di partenza”. “I calcoli privati del premier israeliano Benjamin Netanyahu e di alcuni leader di Hamas complicano la decisione politica di approvare il tanto atteso accordo”, avverte la fonte secondi cui “Netanyahu, per sue ragioni politiche, potrebbe respingere l’accorso, anche se l’offerta presentata da Hamas risponde alle richieste israeliane”.  

Intanto il governo israeliano – nel mirino ieri sera delle proteste di migliaia di manifestanti a Tel Aviv, che sono tornati a chiedere il sì all’accordo ma anche elezioni anticipate – si divide sui negoziati e, in particolare, sulla annunciata operazione a Rafah.  

Il ministro della Sicurezza nazionale di estrema destra Itamar Ben Gvir ha lanciato infatti una nuova minaccia di lasciare il governo. In una dichiarazione, Ben Gvir ha accolto la decisione di Netanyahu per non aver inviato una delegazione al Cairo e ha detto di aspettarsi che il premier mantenga le promesse fatte presumibilmente quando i due si sono incontrati la scorsa settimana: “No a un accordo sconsiderato, sì a Rafah. Il primo ministro sa bene qual è il prezzo da pagare se non si onora questo impegno”, le parole del ministro. In una dichiarazione simile, il ministro delle Finanze Bezalel Smotrich afferma che “un accordo di resa che porterà alla fine della guerra senza una vittoria totale è un disastro. Rafah adesso”, la richiesta al primo ministro. 

L’ultima proposta di accordo prevederebbe una prima fase di durata fino a 40 giorni durante la quale 33 ostaggi tenuti a Gaza verrebbero rilasciati e l’Idf si ritirerebbe da parte della Striscia. La seconda fase si estenderebbe fino a 42 giorni durante i quali verrebbero rilasciati tutti gli altri ostaggi ancora in vita e le parti si accorderebbero sulle condizioni di un ritorno alla calma a Gaza. Durerebbe 42 giorni anche la terza ed ultima fase, dedicata alla consegna dei corpi senza vita.  

Nel corso della prima fase è anche previsto il rientro della popolazione palestinese che si è rifugiata nel sud di Gaza nella parte settentrionale della Striscia: Israele, secondo gli Stati Uniti, avrebbe accettato un rientro senza limitazioni della popolazione nelle aree di provenienza.  

Nel quadro dell’intesa è previsto inoltre il rilascio di centinaia di prigionieri palestinesi. La fonte di Hamas citata da Channel 12 ha parlato di “compromessi raggiunti” sul numero di detenuti da rilasciare in cambio della liberazione di ciascun ostaggio. La notizia riportata ieri dal Times of Israel seguiva l’annuncio di Hamas che nella tarda serata di venerdì aveva reso noto che una sua delegazione si sarebbe recata al Cairo “determinata a raggiungere un accordo tale da soddisfare le richieste palestinesi”. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *