Dall'Italia

Gaza, Anelli (FNOMCeO): «Medici inorriditi, mettere in sicurezza feriti e malati»

«Siano rispettate convenzioni internazionali, quella di Ginevra prevede il rispetto dei medici che lavorano per salvare vite umane»

17 Novembre 2023

«Sgombrare gli ospedali di Gaza, mettere in condizioni di sicurezza i malati e i feriti». È il nuovo appello lanciato dal presidente della Fnomceo, la Federazione nazionale degli Ordini dei Medici, Filippo Anelli, a margine della Conferenza Stampa di presentazione della Campagna “Grazie, dottore”, volta a valorizzare, a livello internazionale, la figura del Medico di Medicina Generale come avamposto dei Sistemi sanitari.

«Un medico di famiglia – ha commentato Anelli – capace di rendere umani i sistemi sanitari nazionali, capace di interpretarne il vero ruolo, la vera mission che è quella di pensare sempre al bene del paziente». Domenica scorsa, Anelli, rilanciando l’ammonimento di Papa Francesco a soccorrere i feriti, aveva caldeggiato l’idea di un ospedale da campo sotto l’egida dell’Onu.

«In questo posto meraviglioso – afferma ora Anelli in un video per il prossimo numero di Fnomceo Tg Sanità, diffuso oggi in anteprima – ai piedi della Basilica di San Pietro in Vaticano nel Cimitero Teutonico, non possono che venire fuori le riflessioni sul rapporto tra professione e guerra. Noi abbiamo condizionato il nostro modo di essere proprio al bene del paziente e ogni lesione che si ha, soprattutto con la guerra, lacera le nostre coscienze. Quello che sta avvenendo in Medio Oriente – aggiunge – nella guerra nella Striscia di Gaza ci ferisce come medici profondamente. Siamo rimasti inorriditi di fronte a quelle che sono le violenze che sono state utilizzate nei confronti dei civili, soprattutto dei bambini, nell’uso indiscriminato della forza anche nei confronti dei malati degli ospedali. Lanciamo un appello perché si possa in qualche maniera sgombrare quegli ospedali, metterli in situazioni di sicurezza, perché siano rispettate le convenzioni internazionali, quella di Ginevra che prevede il rispetto degli operatori sanitari, dei medici che lavorano per salvare vite umane».

Potrebbe interessarti anche:  Gastroenterite: in Italia una vera e propria epidemia

 

Fonte: Dire

(ph: Imagoeconomica)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *