Ultima ora

Fratelli d’Italia, boom iscritti e contributi nel 2023: conti sorridono a Meloni

17 Giugno 2024

(Adnkronos) – Non solo i sondaggi, anche i conti e gli iscritti sorridono a Fratelli d’Italia. Il partito di Giorgia Meloni ha chiuso l’esercizio 2023 con un “avanzo di gestione” pari a circa 5 milioni di euro, per l’esattezza 4 milioni 906mila euro. Questo il dato contenuto nella relazione gestionale del segretario amministrativo, Roberto Carlo Mele, che accompagna il bilancio chiuso al 31 dicembre scorso. Spulciando le carte visionate dall’Adnkronos, si scopre che la prima forza politica della maggioranza ha visto crescere anche il contributo annuale derivante dalla destinazione del 2×1000 Irpef che, secondo il tesoriere, rappresenta “la più importante e diffusa fonte di micro-finanziamento” di Fratelli d’Italia: se nel 2022 nelle casse di Via della Scrofa erano arrivati 3 milioni 132mila euro, nel 2023 l’ammontare complessivo è salito a 4 milioni 807mila, quasi 2 milioni di euro in più: una somma comprensiva di due tranche, la prima di 2 milioni 71mila 919,82 euro e la seconda di 2 milioni 735mila 631,67 euro.  

Fdi ha registrato pure un boom di tesserati con un introito di circa 3 milioni di euro: nel dettaglio, le cosiddette quote associative annuali si attestano a 2milioni 878mila 980 euro. “Le quote di tesseramento”, si legge nella nota integrativa, “hanno raggiunto un incremento rispetto al precedente esercizio rispecchiando la crescita delle adesioni su tutto il territorio nazionale”. I proventi da “attività editoriali, manifestazioni e altre attività” sono stimati in 39mila euro. Notevoli le disponibilità liquide a disposizione: oltre 8 milioni 374mila 955 euro, di cui 8 milioni 371mila 527 euro in depositi bancari e postali, il rimanente in denaro.  

Per quanto riguarda le ‘erogazioni liberali’, a rimpinguare le finanze meloniane ci pensano pure le ‘donazioni’ dei privati: i cosiddetti proventi da persone fisiche sono passati dai 3 milioni 715mila euro del 2022 agli attuali 3 milioni 900mila 168 euro a cui vanno aggiunti i contributi delle persone giuridiche pari a 81mila 800 euro. Quasi 210mila euro sono i ‘crediti verso i locatari’, mentre quelli tributari si fermano a 26mila 415 euro. Il patrimonio netto del partito è di 7 milioni 540mila 592 euro. 

Potrebbe interessarti anche:  Università, per 56,2% docenti risorse diminuite

Quanto al passivo, i debiti di Fdi ammontano in totale a 355mila 813 euro, di cui 268mila 673 euro verso i fornitori. Le spese sostenute per le campagne elettorali relative all’anno scorso (per Lazio, Lombardia e Friuli Venezia Giulia) arrivano a poco di 750mila euro. Alla voce ‘spese donne in politica’ corrisponde la cifra di 389mila 589 euro, accantonata per le “iniziative volte a favorire la partecipazione attiva delle donne alla politica”. 

Un sostegno ai giovani del partito e una mano anche alla famiglia politica europea, quella dei Conservatori e riformisti. Fratelli d’Italia non dimentica la sua gioventù e nell’anno 2023 effettua un bonifico da 342mila euro a favore del movimento giovanile della destra. La cifra è scritta nero su bianco nella relazione al bilancio di Fdi firmata dal segretario amministrativo di Via della Scrofa, Roberto Carlo Mele, dove si ricorda il “rapporto federativo” tra il partito di Giorgia Meloni e ‘Gioventù nazionale’. 

“In virtù di tale rapporto”, si legge nel documento, nel 2023 Fratelli d’Italia “ha riconosciuto” al movimento presieduto dal 2017 dal deputato Fabio Roscani un contributo di 342mila euro “per la promozione e il sostegno di iniziative politiche volte a diffondere nel mondo giovanile valori e ideali condivisi da Fratelli d’Italia”. Ammonta invece a 137mila euro la somma riconosciuta da Fdi al Partito dei Conservatori e riformisti europei (Ecr), a cui Fratelli d’Italia è affiliato e di cui la stessa Meloni è presidente. La cifra elargita da Via della Scrofa è destinata al “supporto per le attività di Ecr”. 

Potrebbe interessarti anche:  Taylor Swift nel mondo e Sfera Ebbasta in Italia, i più ascoltati su Spotify

Boom di ‘donazioni’ per Fratelli d’Italia nel 2023. Spulciando l’ultimo bilancio del partito di Giorgia Meloni, quello chiuso il 31 dicembre scorso, visionato dall’Adnkronos, si scopre che nell’elenco delle ‘erogazioni liberali ricevute’, la parte del leone la fanno le cosiddette contribuzioni da persone fisiche, cioè soprattutto privati e parlamentari, con circa 4 milioni di euro, per l’esattezza 3 milioni 900mila 168 euro. Al netto del 2xmille, i principali finanziatori di Via della Scrofa restano gli eletti, deputati e senatori.  

Premesso che la quota mensile versata da ogni parlamentare iscritto a Fdi è pari a mille euro (e non ci sarebbero casi di morosi), carte alla mano, tra i parlamentari che hanno versato di più nelle casse del partito nel 2023 – come è riportato nella relazione sulla gestione firmata dal tesoriere – spiccano con 42mila euro a testa Michele Barcaiuolo, Paola Maria Chiesa, Marco Scurria e Andrea Volpi. Seguiti con un ‘obolo’ di 39mila euro da Maria Grazia Frija e di 38mila euro da Andrea De Priamo. Raggiungono quota 37mila Alessandro Amorese, Susanna Campione, Anna Maria Fallucchi, Silvio Giovine, Luigi Giovanni Maiorano, Maddalena Morgante, Umberto Maerna Novo, Emanuele Pozzolo, Paolo Pulciani, Angelo Rossi, Andrea Tremaglia. 

Nella lista dei finanziatori ci sono la premier e leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni (12mila euro); il presidente del Senato, Ignazio La Russa (6mila euro); il vicepresidente della Camera, Fabio Rampelli (24mila euro); i ministri Raffaele Fitto (12mila euro), Daniela Santanchè (12mila euro), Luca Ciriani (12mila euro), Francesco Lollobrigida (12mila euro), Eugenia Roccella (32mila euro), Adolfo Urso (12mila euro); gli ex ministri Giulio Tremonti (12mila euro) e Giulio Maria Terzi Sant’Agata (12mila euro); il sottosegretario alla presidenza del Consiglio con delega all’attuazione del programma, Giovanbattista Fazzolari (12mila euro), il viceministro dell’Economia, Maurizio Leo (13mila euro). 

Potrebbe interessarti anche:  Palermo, agguato allo Sperone: ucciso un uomo e un altro è ferito grave

Nell’elenco compaiono inoltre, tra gli altri: il viceministro agli Esteri, Edmondo Cirielli (9mila euro); Alessio Butti, sottosegretario con delega all’Innovazione tecnologica (9mila euro); Andrea Delmastro, sottosegretario alla Giustizia (15mila). Il responsabile organizzazione del partito, Giovanni Donzelli, ha versato 11mila euro; dalla presidente della Commissione Antimafia Chiara Colosimo sono invece arrivate donazioni per un totale di 32mila euro nel 2023.  

Ammonta a 81mila 800 euro il contributo delle aziende, ovvero da parte delle ‘persone giuridiche’. Si tratta delle società a responsabilità limitata ‘Ingegneria Costruzioni Colombrita’ (10mila euro), ‘Publitaly International’ (10mila euro), ‘STS Mobili’ (6mila euro), ‘R.E.I. Recupero ecologico inerti’ (5mila euro), ‘Ducoli Achille’ (10mila euro) e ‘Edit Holding’ (20mila euro). Completano la lista delle aziende ‘finanziatrici’ di Fdi la ‘TS SRLS’ (5mila euro) e la ‘Dottor Gemmato snc’ (8mila euro), la farmacia di cui è socio il deputato e sottosegretario alla Sanità Marcello Gemmato, che ha contribuito alla causa anche come parlamentare versando 5mila euro.  

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *