Scienza e farmaci

Fecondazione in vitro, Greco (S.I.d.R.): «Età materna è fattore critico per il successo dei trattamenti»

Questo quanto affermato dal Presidente della Società Italiana della Riproduzione

10 Luglio 2024

«È vero che le tecniche di fecondazione in vitro, grazie anche all’utilizzazione della diagnosi genetica preimpianto, sono state in grado di aumentare i tassi di successo delle tecniche di PMA, ma da uno studio che abbiamo presentato ad Amsterdam al 40° Congresso della Società europea di Medicina della riproduzione ed embriologia (ESHRE) emerge che la possibilità di gravidanza e di impianto cambia se gli embrioni se pur sani geneticamente sono di una donna dopo i quarant’anni rispetto a quelli di una donna giovane. Ciò fa ritenere che oltre alla genetica ci siano tutta un’altra serie di fattori a partire dalla macchina metabolica fino all’espressione genetica embrionaria a determinare la nascita di un bambino». È quanto ha affermato Ermanno Greco, Presidente della Società Italiana della Riproduzione (S.I.d.R.) e responsabile del gruppo di Medicina della Riproduzione ICSI ROMA Villa Mafalda, in merito allo studio presentato ad Amsterdam, al 40° Congresso della Società europea di Medicina della riproduzione ed embriologia (ESHRE), dalla dottoressa Ilaria Listorti del gruppo ICSI Roma Villa Mafalda.

 

Nuove tecniche selezione spermatozoi

Dallo studio, ha spiegato Greco, è emerso inoltre che: « Nuove tecniche di selezione degli spermatozoi nei programmi PMA possono aumentarne la percentuale di successo. Spesso si dimentica che l’infertilità maschile costituisce almeno il 50% delle infertilità che approcciano un programma PMA. Un maschio infertile non presenta solo spermatozoi quantitativamente anormali, ma soprattutto qualitativamente. In questo caso, le nuove tecniche di selezione attraverso i microfluidi possono costituire un mezzo valido per assicurare maggiore sicurezza e successo nei programmi di PMA».

Potrebbe interessarti anche:  Giornata mondiale della Fisioterapia: professione presente in tutti i luoghi della vita

 

Ringiovanimento ovarico

«A disposizione della donna infertile –  ha poi osservato Greco – vi è una nuova tecnica di ringiovanimento ovarico. Il sangue autologo arricchito di Piastrine (PRP) si è infatti dimostrato in grado, se iniettato all’interno delle ovaie, di aumentare la riserva ovarica e ottimizzare le tecniche di PMA anche in quelle donne che hanno una diminuzione, senza dover per forza ricorrere a programmi di ovodonazione» ha concluso.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *