Ultima ora

Cybersecurity, Foti (Fondazione Magna Grecia): “Pmi non sono in grado di difendersi da minacce”

14 Giugno 2024

(Adnkronos) – “Le mafie e le organizzazioni criminali sono prevalentemente nel Mezzogiorno, anche se operano” grazie alla tecnologia a livello mondiale. Dopo “aver fatto lo scorso anno un rapporto sull’influenza dei social – TikTok, Instagram, Facebook – sulla criminalità organizzata” è stato attivato “un centro di ricerca” seguito da “un secondo studio sul cybercrime” realizzato con esperti che “si occupano di cybersecurity” i quali sanno che “il sistema produttivo italiano è composto per il 94,5% di piccole-micro imprese che non sono nelle condizione di dotarsi di strumenti sulla cybersecurity”. Lo ha detto Nino Foti, presidente della Fondazione Magna Grecia, intervenendo questa mattina, a Montecitorio, alla presentazione del rapporto ‘Cyber organized crime – Le mafie nel cyberspace’, realizzato dalla stessa Fondazione che “normalmente – continua Foti – si occupa di sviluppo economico, culturale, sociale, di sviluppo dei territori, dà una mano, per quanto può, in un divario, in una situazione sempre più difficoltosa del nostro Mezzogiorno e che non poteva non occuparsi anche di questi aspetti”. 

Come ha spiegato il presidente della Fondazione, “le organizzazioni criminali” operano “in un mondo che è parallelo, il famoso dark web, quindi in una situazione in cui l’evoluzione ha portato gli hacker a essere molto più avanzati delle stesse istituzioni”. Queste “non riescono a essere allo stesso loro livello – come esperti e ingegneri informatici – per motivi ovvi, anche solo per i costi che la pubblica amministrazione non può comportare, ma soprattutto nell’evoluzione di quello che accade nel web”. 

Potrebbe interessarti anche:  Ristoratrice Lodi, autopsia: morte compatibile con annegamento

Lo studio presentato questa mattina, alla presenza di Nicola Gratteri, procuratore della Repubblica di Napoli; Antonio Nicaso, esperto dei fenomeni criminali di tipo mafioso e docente alla Queen’s University Canada e Chiara Colosimo, presidente della Commissione parlamentare antimafia, “ha formulato degli indici innovativi – chiarisce Foti – per valutare la vulnerabilità, sia delle imprese che delle istituzioni, agli attacchi degli hacker” per questo è “uno strumento prezioso per attuare” il fenomeno “individuando”, nei vari ambiti “come questo possa avvenire” per poter intervenire. Stati Uniti e Canada sono leggermente più avanti di noi” in questo. “È necessario un intervento legislativo importante affinché si possa essere al fianco degli operatori e nello stesso tempo – conclude – dare una mano affinché” il cybercrime “possa essere, se non fermato, rallentato”. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *