Logo Alperia
Dall'Italia

Covid, morti improvvise tra militari, S.U.M: «Si faccia un censimento»

Le richieste del sindacato all'amministrazione della Difesa a tutela della salute dei soldati

7 Maggio 2024

«Sono state registrate anche recentemente delle “morti improvvise” di personale militare, in età anche giovane e – in una formale missiva al ministro della Difesa e all’Ispettorato di sanità militare – è stato chiesto di acquisire eventuali dati statistici di morti premature e in tale campione la correlazione fra decessi di personale in servizio e loro stato vaccinale in merito alla somministrazione di farmaci c.d. Anti-covid». Sono le richieste avanzate dal S.U.M. (Sindacato Unico dei militari) all’amministrazione della Difesa a tutela della salute dei militari.

 

UN CENSIMENTO DELLE MORTI IMPROVVISE DAL 2017 A OGGI

E chiede inoltre «se in ambito ministero della Difesa sia stato effettuato un censimento delle morti improvvise dal 2017 ad oggi (seguendo quanto già effettuato dal ministero dell’Interno – Dipartimento della Pubblica Sicurezza – Direzione di Sanità) e quali siano gli eventuali risultati; se in ambito ministero della Difesa, risultino delle pratiche risarcitorie nei confronti di personale militare che ha subito dei danni collaterali post vaccinazione, ai sensi di quanto previsto dalla legge art.210 Legge del 25 febbraio 1992, n. 210 recante norme in materia di Indennizzo a favore dei soggetti danneggiati da complicanze di tipo irreversibile a causa di vaccinazioni obbligatorie, trasfusioni e somministrazione di emoderivati, riservandosi, previa verifica dei presupposti giuridico – sanitari, impiegando le risorse finanziarie che l’allora Governo Draghi ha stanziato, con il decreto ristori, per pagare chiunque avesse riportato, a causa di vaccinazioni per il covid 19, lesioni o infermità, dalle quali sia derivata una menomazione permanente dell’integrità psico-fisica, riconoscendo il diritto ad un indennizzo da parte dello Stato».

 

Fonte: Dire

(ph: Shutterstock)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *