Logo Alperia
Regioni e governo

Covid, Lopalco su dati epidemiologici: «Libero accesso diritto di ogni cittadino»

L'epidemiologo: «No a bollettino quotidiano, ma dati disponibili per ricercatori indipendenti»

3 Novembre 2022

«I dati della sorveglianza Covid, come tutti i dati amministrativi pubblici, devono essere messi a disposizione su richiesta di ricercatori indipendenti. È un passaggio burocratico in più, ma è un diritto di ogni cittadino». Lo sottolinea all’Adnkronos Salute Pier Luigi Lopalco, docente di Igiene all’Università del Salento, dopo che Fondazione GIMBE ha chiesto al ministro della Salute, Orazio Schillaci, «il ripristino immediato della pubblicazione giornaliera dei dati che devono essere disponibili non solo alle autorità competenti, ma anche alla comunità scientifica e alla popolazione intera».

 

Dopo la sospensione, disposta il 28 ottobre, della pubblicazione quotidiana del bollettino sulla pandemia di Covid-19, ora diffuso settimanalmente, «dal 30 ottobre  ̶  denuncia Gimbe  ̶  risulta interrotta anche la pubblicazione quotidiana dei dati grezzi sul repository ufficiale» a cui attingevano i ricercatori.

 

«Ripristinare il bollettino quotidiano  ̶  dice Lopalco  ̶  non ha senso e non è comunque nelle intenzioni del Governo. Basta che i dati siamo resi disponibili a ricercatori indipendenti».

 

(ph: Imagoeconomica)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *