Logo Alperia
Scienza e farmaci

Covid, infettivologo Andreoni: «Cerberus in Italia al 10-15% non è un buon segno»

«Speriamo non ci dia problemi nei prossimi mesi»

27 Ottobre 2022

«Stiamo viaggiando a un milione di casi Covid al mese, troppi. Ma soprattutto si stima che la variante ribattezzata Cerberus – il sottolignaggio BQ.1.1 della famiglia di Omicron 5 – sia già arrivata in Italia al 10-15%. Sappiamo che ha una evasione immunitaria che preoccupa e i monoclonali non sono efficaci. Per i prossimi mesi non è un buon segnale, speriamo non ci dia problemi». Lo evidenzia all’Adnkronos Salute Massimo Andreoni, primario di infettivologia al Policlinico Tor Vergata di Roma e direttore scientifico della Società italiana di malattie infettive e tropicali (Simit), facendo il punto sulle nuove varianti del Sars-CoV-2.

 

(ph: Imagoeconomica)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *