Ultima ora

Covid in Italia, casi in aumento: bollettino ultima settimana, 3.855 contagi e 18 morti

5 Luglio 2024

(Adnkronos) – Continua il rialzo dei casi di Covid in Italia. Dal 27 giugno al 3 luglio i nuovi positivi sono stati 3.855, in crescita dai 2.505 del 20-26 giugno. Scendono i morti, da 21 a 18. I tamponi aumentano da 79.339 a 81.900 e il tasso di positività passa da 3,2% a 4,7%. Questi i dati del bollettino settimanale pubblicato sul sito del ministero della Salute. 

Il Lazio è ancora primo per numero di nuovi contagi: 813 nell’ultima settimana contro i 576 della precedente, con un morto (zero nella precedente). Subito sotto la Lombardia, con 751 nuovi casi rispetto ai 533 della settimana prima e 5 decessi (8 nei 7 giorni precedenti).  

“L”incidenza settimanale (27 giugno-3 luglio) dei casi diagnosticati e segnalati risulta in lieve aumento nella maggior parte delle regioni e province autonome rispetto alla settimana precedente. L’incidenza più elevata è stata riportata nella regione Lazio (14 casi per 100.000 abitanti) e la più bassa nelle Marche (0,2 casi per 100.000 abitanti)”, evidenzia il monitoraggio settimanale dei casi Covid della Cabina di regia Iss-ministero della Salute. 

L’incidenza di positivi diagnosticati e segnalati nel periodo 27 giugno-3 luglio “è pari a 6,5 casi per 100.000 abitanti, in lieve aumento rispetto alla settimana precedente (4,6 casi per 100.000 abitanti nella settimana 20-26 giugno)”. 

Al 3 luglio l’occupazione dei posti letto in area medica è pari a 1,4%, stabile rispetto alla settimana precedente (1,2% al 26 giugno), si legge nel report. Stabile anche l’occupazione dei posti letto in terapia intensiva, pari a 0,4% (31 ricoverati), rispetto alla settimana precedente. L’indice di trasmissibilità (Rt), calcolato con dati aggiornati al 3 luglio 2024 e basato sui casi con ricovero ospedaliero, al 25 giugno è pari a 1,04 (0,91-1,18), stabile rispetto alla settimana precedente (Rt=1,15 al 18 giugno). 

Potrebbe interessarti anche:  Inter-Empoli 2-0, gol di Dimarco e Sanchez

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *