Logo Alperia
Regioni e governo

Covid: in continuo calo le ospedalizzazioni, da fine luglio

Scendono sia i ricoverati nei reparti ordinari (-14%) sia i pazienti nelle terapie intensive (-18,2%)

31 Agosto 2022

Rallentano ancora i ricoveri Covid in Italia nell’ultima settimana. Complessivamente, si registra una ulteriore diminuzione dei pazienti adulti, sia nei reparti ordinari che in terapia intensiva, pari al 14,2% rispetto alla settimana precedente. Questi i dati al 30 agosto del report degli ospedali sentinella aderenti alla rete di Fiaso, la Federazione aziende sanitarie e ospedaliere. Agosto, dunque, è stato contrassegnato dal segno meno: un calo progressivo delle ospedalizzazioni cominciato già a fine luglio e proseguito per tutto il mese.

A diminuire nell’ultima settimana – evidenzia Fiaso – sono stati sia i ricoverati nei reparti ordinari (-14%) sia i pazienti nelle terapie intensive (-18,2%).

 

«La recente segnalazione di un aumento dei casi di infezione da Sars-Cov-2  ̶  commenta il presidente Fiaso, Giovanni Migliore  ̶  attualmente non si riflette su un aumento dei ricoveri. Registriamo, infatti, un calo dei pazienti che, insieme a quelli osservati nelle precedenti settimane, si traduce in una riduzione della pressione sulle strutture ospedaliere. Molti ospedali hanno chiuso i reparti Covid perché non ci sono più pazienti, ma avendo piani operativi per riattivare tempestivamente quei posti letto. Sarà fondamentale mantenere bassi i numeri e questo passerà necessariamente da una nuova spinta sulla campagna vaccinale per over 60 e fragili: accogliamo con grande ottimismo  ̶  sottolinea  ̶  l’annuncio del ministero della Salute di avere già a metà settembre la disponibilità di nuovi vaccini aggiornati contro la variante Omicron».

 

«Nelle classi di età pediatriche si verifica un calo dei ricoverati “per Covid” e un aumento dei “con Covid”. Questo è l’unico dato in salita della rilevazione odierna che occorrerà osservare nelle prossime settimane». La classe d’età più colpita continua a essere quella da 0 a 4 anni che rappresenta il 71% dei pazienti”, ricorda il report.

Complessivamente sono 31 i pazienti sotto i 18 anni ricoverati con infezione da Sars-Cov-2 nella rilevazione del 30 agosto effettuata negli ospedali pediatrici e nei reparti di pediatria degli ospedali aderenti al network sentinella di Fiaso rispetto ai 25 della scorsa settimana. Si registra una oscillazione verso l’alto (+24%), ma esclusivamente a carico dei pazienti “con Covid”, ovvero pazienti arrivati in ospedale per la cura di altre patologie e trovati incidentalmente positivi al tampone pre-ricovero.

 

Fonte: Adnkronos Salute

(ph: Imagoeconomica)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.