Logo Lidl Italia
Dall'Italia

Covid: boom di contagi nelle scuole, 10mila classi in DAD

Il presidente delle Autonomie locali chiede di introdurre il Green pass nelle scuole

22 Dicembre 2021

Contagi alle stelle nelle scuole elementari, con un’incidenza che è la più alta di tutte, e più di 10 mila classi in didattica a distanza a casa. Il Ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi sostiene che «la situazione è sotto controllo», ma di fatto i dati odierni dell’Istituto Superiore di Sanità sono impietosi: «Il 28% dei nuovi casi si verifica in età scolare, l’incidenza tra i 5 e 11 anni è la più alta di tutte e ci sono già 10mila classi in Dad».

A lanciare l’allarme stamattina è Matteo Ricci, Presidente nazionale Ali-Autonomie Locali Italiane e sindaco di Pesaro. E ora si apre un ragionamento sulla possibilità di prolungare le vacanze di Natale mantenendo le scuole chiuse oltre il 7 gennaio. Ipotesi che non piace ai presidi ma neanche ai sindaci.

 

Ricci dal canto suo ribadisce la necessità di introdurre il Green pass nelle scuole: «Il Governo ha parlato di rischio scuole chiuse fino a metà gennaio. Dobbiamo evitare in ogni modo, con qualsiasi strumento, di tornare indietro e chiudere le scuole. Questo è un problema che riguarda milioni di bambini, studenti e famiglie. È nostro dovere garantire la scuola in presenza e in sicurezza. L’introduzione del Green Pass, a partire dalle elementari, è l’unico modo per spingere la vaccinazione tra i ragazzi e al tempo stesso garantire il diritto allo studio con tamponi gratuiti alla minoranza che non vaccinerà i figli». Prosegue il numero uno delle Autonomie locali: «I sindaci hanno ben chiara la situazione sui loro territori, che è inequivocabilmente critica e molto preoccupante, per questo abbiamo chiesto nei giorni scorsi attraverso un appello al Presidente del Consiglio Draghi, al Ministro della Salute Speranza e al Ministro dell’Istruzione Bianchi provvedimenti urgenti per introdurre il Green Pass nelle scuole».

 

Fonte: Dire

(ph: Shutterstock)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.