Focus Veneto

Covid-19, le misure da seguire in quarantena/isolamento

Tutti i comportamenti da assumere se positivi al tampone o se si è stati a stretto contatto con positivi

19 Ottobre 2020

Ecco le misure da seguire relative al periodo di quarantena/isolamento per le persone risultate positive al tampone Covid oppure che sono state a contatto stretto con persona positiva.

 

La permanenza al proprio domicilio durante il periodo di quarantena è un obbligo di legge e il mancato rispetto di tale obbligo può comportare sanzioni penali ed amministrative.

È possibile uscire di casa, durante il periodo di quarantena, solo per oggettivi motivi di salute (come, ad esempio, recarsi a fare il tampone).

 

Si ricordano di seguito i comportamenti e le misure da assumere durante l’isolamento:

  • Non uscire di casa anche se asintomatici; è possibile andare nel giardino di casa, purché di esclusiva proprietà e non in presenza di altre persone;
  • Misurare la temperatura due volte al giorno (mattina e sera), possibilmente alla stessa ora;
  • È opportuno che non vi sia alcun contatto con le persone conviventi, ma nel caso è necessario indossare sempre la mascherina (chirurgica) ad ogni contatto e mantenersi ad una distanza di almeno 2 metri; proteggere naso e bocca in occasione di tosse o starnuti, gettare i fazzoletti di carta subito dopo averli usati e lavarsi / igienizzarsi subito le mani. Non è possibile ricevere visite da persone esterne al nucleo familiare convivente.
  • Soggiornare in stanza singola e dedicata.
  • Arieggiare più volte al giorno la stanza o gli ambienti di soggiorno abituale.
  • Se possibile utilizzare bagno dedicato o, in alternativa, il bagno deve essere adeguatamente igienizzato dopo l’uso con prodotti a base di cloro (es. candeggina, varechina, amuchina).
  • Pranzare in orari diversi dagli altri membri della famiglia, utilizzando stoviglie ad uso esclusivamente personale.
  • Tenere un’accurata igiene delle mani lavandole spesso con acqua e sapone o con prodotti igienizzanti a base alcolica. Per asciugare le mani, dopo il lavaggio, usare asciugamani di carta che devono essere prontamente eliminati o, in alternativa, utilizzare asciugamani strettamente personali, tenendoli separati dagli altri.
  • Lavare lenzuola, asciugamani, vestiti a 90° C con normale detergente; qualora non sia possibile il lavaggio a 90°C per le caratteristiche del tessuto, addizionare il ciclo di lavaggio con candeggina o prodotti con ipoclorito sodico.
  • Eseguire la pulizia degli ambienti e delle superfici con un detergente neutro e successivamente con soluzioni di ipoclorito di sodio allo 0,1% (diluire un prodotto, es. candeggina, al 10% mettendo 10 ml di soluzione in un litro d’acqua) oppure in caso di materiali che possono essere danneggiati dall’ipoclorito di sodio con alcol etilico al 70%.
  • Per la gestione dei rifiuti si fa riferimento alle indicazioni dell’Istituto Superiore di Sanità.
Potrebbe interessarti anche:  Venezia: al via il pagamento di 5 euro per entrare in città

 

Per gli aspetti clinici, far riferimento al proprio Medico di famiglia. Chiamare il 118 in caso di grave difficoltà respiratoria.

(ph: Shutterstock)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *