Logo Lidl Italia
Dal mondo

Covid-19: così Johnson entra a gamba tesa e vince contro il virus

La lezione della Gran Bretagna alla quale l'Europa guarda

6 Aprile 2021

Dal 12 aprile la Gran Bretagna riparte: riaprono quindi tutte le attività in fase emergenziale considerate “non essenziali”, ossia parrucchieri, ristoranti, pub, ma anche palestre, zoo, parchi divertimento e biblioteche. Lo ha annunciato il primo Ministro Johnson dichiarando: «Da lunedì anch’io andrò al pub». E nelle attività commerciali ci si potrà recare senza alcun certificato che attesti lo status della persona. Johnson ha escluso l’introduzione di un passaporto vaccinale e ha annunciato che è ancora troppo presto per esporsi sul via libera dei viaggi all’estero.

 

Dal 12 aprile verrà anche revocato il divieto di pernottamenti fuori casa e i membri della stessa famiglia potranno fare una vacanza in Inghilterra in alloggi indipendenti.

 

L’exit road intrapresa, seguita e tagliata dalla Gran Bretagna è stata solo una: vaccinazione a tappeto, almeno per quanto riguarda la prima dose, somministrata a 31 milioni di abitanti. Nel frattempo si sta procedendo con i richiami per quelle ad alto rischio.

 

Una soluzione, quella adottata da UK, alla quale hanno strizzato l’occhio anche non pochi esponenti del mondo scientifico. Nel corso della sua intervista rilasciata lunedì 5 aprile a Mattinocinque il prof. Bassetti ha fatto riferimento al modello inglese, dichiarando: «Potremmo seguire l’esempio del Regno Unito, somministrando nel frattempo anche una sola dose a più persone possibile, e fare poi il richiamo a distanza di 3 mesi». Questo poiché anche una sola dose è uno scudo contro il virus, quantomeno momentaneo.

 

E così, mentre l’Europa tra blocchi e rimandi, ritardi nelle consegne da parte delle Big pharma si ritrova a vaccinare col contagocce, ecco che Boris Johnson entra a gamba tesa nel panorama mondiale facendo finalmente abbattere sul suo suolo quella luce, che per ora in Italia e in Europa resta ancora in fondo al tunnel.

 

(ph: Imagoeconomica)

Nico Parente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *