Logo Alperia
Regioni e governo

Coronavirus, SIMPEF: «Il tampone dai pediatri non sarà per tutti»

Il segretario nazionale del Sindacato: «La disponibilità è riservata a casi specifici»

29 Ottobre 2020

Il tampone dal pediatra non è per tutti.

 

«Potremo sottoporre a prelievo per l’esame antigenico rapido solo la parte di assistiti che risultino essere contatti stretti di casi Covid-positivi. È fondamentale che le famiglie sappiano che non potranno usufruire della prestazione in maniera indiscriminata, essendo la disponibilità di test riservata a casi ben specifici, individuati con criteri clinici dal pediatra di famiglia».

 

Lo precisa Rinaldo Missaglia, segretario nazionale Simpef, il Sindacato medici pediatri di famiglia, in merito all’accordo per i tamponi firmato le associazioni di categoria della medicina generale e della pediatria con il Governo.

 

«La prestazione  ̶  specifica Missaglia  ̶  sarà erogabile direttamente presso gli studi dei pediatri di famiglia considerati strutturalmente attrezzati ovvero, in ovvia prevalenza, presso strutture messe a disposizione dalle Asl», specifica Missaglia che nel merito dell’accordo spiega che a spingere il sindacato alla firma è stata «l’urgenza di rispondere all’appello di Ministero della Salute e Regioni a contrastare il virus più capillarmente ed efficacemente
possibile, finalmente e opportunamente sul territori».

 

Per Missaglia «il testo, ben lungi dal risolvere l’auspicata necessità di potenziamento strutturale e funzionale della pediatria di libera scelta, permette comunque di affrontare i pochi mesi che coincideranno con il periodo epidemico dell’influenza stagionale con qualche arma in più per contrastare la progressiva espansione dei contagi di Covid-19. Ci saremmo aspettati un investimento che contribuisse al potenziamento dei nostri studi attraverso lo sviluppo delle forme associative e alla valorizzazione del supporto dell’attività di personale amministrativo e infermieristico. Abbiamo invece dovuto accettare una dotazione economica che non porterà alcun concreto vantaggio per i nostri assistiti, una volta terminata la fase epidemica. Confidiamo almeno che le previste procedure attuative dell’accordo vengano svolte tempestivamente e rapidamente da Governo e Regioni per le parti di loro competenza», conclude.

Fonte: Adnkronos

(ph: Shutterstock)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.