Ultima ora

Come sopravvivere a un attacco di squalo. O meglio ancora, come evitarlo del tutto

8 Luglio 2024

(Adnkronos) – Nell’ultimo periodo, gli attacchi degli squali agli esseri umani sembrano aumentati sensibilmente, scatenando il panico tra i bagnanti delle coste americane. Nel solo mese di giugno 2024 sono diversi gli episodi segnalati, che hanno provocato anche una vittima: il leggendario surfista, bagnino e attore di Honolulu, Tamayo Perry apparso nei film della saga ‘Pirati dei Caraibi’, attaccato mentre faceva surf alle Hawaii.  

In Florida le autorità hanno deciso di chiudere temporaneamente alcune popolari località turistiche dopo che tre persone sono rimaste ferite in due distinti attacchi di squali a distanza di soli 90 minuti l’uno dall’altro sulle vicine spiagge della contea di Walton. In un altro attacco, un ragazzo di 14 anni che è stato morso a una gamba da uno squalo su una spiaggia della Carolina del Nord. L’ultimo episodio, in ordine di tempo, lo scorso 4 luglio scorso, Festa dell’Indipendenza, quando quattro persone state ferite da uno squalo nelle acque antistanti la spiaggia di South Padre Island, in Texas. 

Ma sebbene questo genere di incontri possa comprensibilmente preoccupare i potenziali nuotatori, non c’è motivo di farsi prendere dal panico per le prossime vacanze al mare. Le probabilità di essere attaccati da uno squalo sono infatti estremamente basse. 

L’International Shark Attack File del Florida Museum of Natural History ha rilevato solo 69 attacchi di squalo confermati e non provocati su persone e 36 morsi confermati in tutto il mondo nel 2023. Un numero in calo rispetto al 2022. Se rapportato alla popolazione mondiale (oltre 8 miliardi di persone), le possibilità di annegamento sono molto, molto più alte. Detto questo, secondo gli esperti di squali intervistati da CNN Travel, è possibile adottare misure per aumentare le probabilità di sopravvivenza durante un attacco. 

 

 Conosci il tuo ambiente: gli squali sono creature di acqua salata. L’oceano è la loro casa; noi siamo i visitatori. “Se si va nell’oceano, si deve dare per scontato che si possa incontrare uno squalo, indipendentemente da quando o dove ciò accada”, ha affermato Neil Hammerschlag, direttore del programma di ricerca e conservazione degli squali presso la Rosenstiel School dell’Università di Miami. “Fortunatamente, gli esseri umani non sono nel menu e, fortunatamente, gli squali tendono a evitare le persone”. Tuttavia, ci sono posti in cui è più probabile incontrare uno squalo. 

 Le foci dei fiumi non sono il posto migliore per nuotare. Si dovrebbero evitare gli estuari, afferma Richard Peirce, autore, esperto di squali ed ex presidente dello Shark Trust e della Shark Conservation Society con sede nel Regno Unito. Le loro acque spesso torbide sono le preferite dagli squali toro, che sono i più propensi ad attaccare gli esseri umani, insieme ai grandi squali bianchi e agli squali tigre. “Moltissimi attacchi avvengono nelle foci dei fiumi, dove ci sono limo e altri materiali in sospensione nel fiume: persone che lavano i loro vestiti, persone che lavano se stesse”, ha detto Peirce. Un’altra area in cui è più probabile un incontro: i canali più profondi tra la costa e i banchi di sabbia più lontani. 

Potrebbe interessarti anche:  Ucraina, armi Nato contro Russia: si allarga il fronte del sì

 Evitare le zone con pesca. Prima di tuffarsi in mare, bisogna dare un’occhiata all’orizzonte. Se ci sono barche da pesca, è meglio tornare indietro. “Che l’attività di pesca sia commerciale o ricreativa, spesso il materiale di scarto o pesci morti indesiderati diventano esche in acqua e attirano l’attenzione degli squali”, ha affermato Peirce. 

Prima di entrare, è bene prestare attenzione ad attività insolite dei pesci, come un mucchio di pesci di piccole e medie dimensioni che saltano fuori dall’acqua. Questo è un possibile segno che uno squalo potrebbe essere nelle vicinanze. E’ inoltre consigliato di non nuotare a meno di 50 metri da dove qualcuno sta pescando dalla riva. 

 Evitare il tramonto e l’alba. Nuotare al mattino presto o la sera può essere meraviglioso, ma è anche il momento in cui è più probabile subire un attacco di squalo. “Molti attacchi di squali sono casi di identità sbagliata”, afferma Peirce, “a causa della ridotta visibilità e capacità di identificazione da parte dello squalo”. 

 Unisciti ai bagnini. I bagnini potrebbero essere in grado di raccontare molto sull’attività degli squali sulla loro spiaggia e, cosa ancora più importante, sulle correnti di risacca e altre situazioni di rischio. Chris Lowe, professore di biologia marina e direttore dello Shark Lab presso la California State University di Long Beach, consiglia di “fare i compiti” prima di avventurarsi in acque sconosciute. Studiare un po’ le specie che potresti incontrare in luoghi diversi. Se ci sono domande, vanno fatte a un bagnino locale: “Consiglio sempre alle persone di andare in spiagge sorvegliate. È molto più sicuro”. 

 Non indossare oggetti luccicanti in acqua. “Fate attenzione ai gioielli e a tutto ciò che brilla perché gli squali sono sempre alla ricerca di pesci”, ha detto Lowe. In acque torbide, uno squalo potrebbe pensare che quel lampo sia il segno di un pasto.  

 Segui il tuo istinto. “Probabilmente la cosa più importante è seguire il tuo istinto”, ha detto Hammerschlag. “Se ti senti titubante nell’entrare in acqua… semplicemente non entrare in acqua”. “Molte persone che sono state morse hanno effettivamente detto di aver avuto una strana sensazione prima, come se una voce interiore dicesse loro di uscire dall’acqua e non l’hanno ascoltata”, ha detto. 

Potrebbe interessarti anche:  Verona-Fiorentina 2-1, scatto salvezza per i gialloblù

 

 Niente panico. “Non cominciare ad agitarti in acqua: servirà solo a eccitare, incitare e incoraggiare l’interesse dello squalo”, ha affermato Peirce. Umani, scimmie, cani e gatti hanno tutti zampe e mani. Se vogliamo esplorare qualcosa, la prendiamo e la tocchiamo, la sentiamo, la portiamo al naso. “Uno squalo non ha zampe o mani, quindi se vuole esplorare qualcosa, l’unica capacità che ha è mettersela in bocca”. Ecco perché spesso riceviamo morsi esplorativi che non causano la morte e a volte non causano nemmeno gravi lesioni. Se vai a nuotare e sguazzi, stai quasi invitando lo squalo a venire a darti un morso esplorativo o di attacco”. 

 Mantenere il contatto visivo. Mentre lo squalo ti nuota intorno, tieni la testa su un supporto girevole e cerca di mantenere il contatto visivo. “Gli squali sono predatori da agguato”, ha spiegato Peirce. “Se ti giri e gli stai di fronte tutto il tempo mentre ti gira intorno, non gli piacerà come se riuscisse ad avvicinarsi furtivamente da dietro”. Hammerschlag è d’accordo, dicendo che dovresti mettere il tuo corpo in posizione verso lo squalo in modo che sappia che lo vedi e che lo stai seguendo. Poi torna lentamente indietro verso l’uscita verso una barca o una riva. 

Se stai facendo surf, segui lo squalo con la tua tavola, ha detto Lowe. “Fai sapere allo squalo che è osservato”. 

 Rimani grande o diventa piccolo. Qui è dove le cose si complicano. Se uno squalo è chiaramente in modalità attacco, devi renderti il più grande possibile nell’acqua, secondo Peirce. “Più sei grande in acqua, più rispetto riceverai”, ha affermato. Ma se sembra che lo squalo stia semplicemente passando, il consiglio di Peirce è di rannicchiarsi su se stessi. “Se uno squalo ti vede come un concorrente per la sua fonte di cibo, questo può essere uno dei motivi per cui ti attacca”, ha spiegato. “Se non volessi essere visto da un grande squalo bianco come un concorrente, e se non mostrasse un grande interesse nei miei confronti, mi rannicchierei in modo che lui mostri ancora meno interesse nei miei confronti”. 

 

 Non fare il morto. Questo non è un orso, è uno squalo. Se ti trovi in un incontro aggressivo, dagli una bella lezione: colpisci con pugni, calci e punzecchia nei punti sensibili, ma fai attenzione a dove miri. “Si parla tanto di dare un pugno sul naso a uno squalo. Va bene, ma ricorda che appena sotto il naso c’è una bocca”, ha detto Peirce. “Questo è un oggetto in movimento nell’acqua e tu non puoi nemmeno restare fermo, quindi quello che non vuoi fare è finire per colpire la bocca o qualcosa nelle vicinanze”. Anche un buon colpo alle branchie può fare al caso nostro: “Le branchie sono molto sensibili, quindi dare un colpo alle branchiedi uno squalo non è una cattiva idea”. 

Potrebbe interessarti anche:  E' la Domenica delle palme, cosa si celebra e perché si usano i rami d'ulivo

 Porti qualcosa con te? Se sì, trasformalo in un’arma. “Se sei un subacqueo con una macchina fotografica subacquea, usala, se fai snorkeling, strappati il boccaglio e usalo per colpire lo squalo”, il suggerimento di Peirce. “Mi sono venuti addosso molti squali, ed è stato sufficiente usare un piccolo attrezzo, una piccola asta di metallo lunga tra i due e i tre piedi, e dare loro una piccola spinta sul naso”. 

È una buona idea nuotare con altre persone, ha detto Lowe. Non solo diminuisce le possibilità di un attacco, ha detto, ma hai qualcuno che ti aiuta a raggiungere una barca o la riva se vieni morso. 

 Tagliare gli angoli. Se sei un sub e ti trovi in difficoltà, cerca di metterti in una posizione in cui lo squalo non possa arrivare dietro di te, il consiglio di Peirce. “Tieni le spalle a qualcosa come una barriera corallina. Allora hai solo una direzione in cui guardare. Sei protetto da dietro, per esempio, e questo ti consente di tenere d’occhio lo squalo di fronte a te e magari nuotare lentamente verso la cima della barriera corallina”. 

 Allontanati lentamente. Sposta la minor quantità d’acqua possibile. Cerca di non agitarti e di non sguazzare mentre nuoti gradualmente all’indietro verso la riva. “Devi cercare di tenere l’animale in vista e molto lentamente e delicatamente cercare di nuotare all’indietro e raggiungere l’acqua bassa. Di nuovo, devi stare attento: gli squali di grandi dimensioni possono attaccare in profondità molto basse”. 

Fare quanto sopra può aiutare fino a un certo punto, ma Peirce ha sottolineato che le probabilità di sopravvivere senza farsi male quando uno squalo di grandi dimensioni attacca sono scarse. “Se uno squalo bianco è in modalità di attacco completo, non c’è molto che si possa fare a quel punto”. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *