Logo Lidl Italia
Benessere animale

Colombia, al via operazione squali tigre: catturati per salvarli

La decisione dopo l’uccisione del turista italiano a largo isola an Andres

22 Marzo 2022

È prevista anche la partecipazione di esperti internazionali nel trasferimento a fini conservativi di due squali tigre che si svolgerà nei prossimi giorni nella acque dell’isola colombiana di San Andrès, situata al largo delle coste del Nicaragua e teatro nei giorni scorsi di un attacco da parte di uno degli animali che ha provocato la morte di un turista italiano. Ad annunciare l’iniziativa sul suo sito è stata la cooperativa locale Coralina. Gli studiosi stranieri, il cui arrivo è previsto oggi, contribuiranno di concerto con professionisti locali a realizzare “manovre di cattura e ricollocazione degli esemplari in un luogo distante” da dove si trovano ora, vicino alla costa sud-occidentale di San Andrès, dove è avvenuto l’incidente che nel fine settimana ha portato alla morte di un uomo di 56 anni, originario dell’Abruzzo.

 

L’areale dove verranno portati gli squali, a cui verranno applicati dei geolocalizzatori satellitari per monitorarne i movimenti, sono ritenuti più sicuri per gli animali e anche per i cittadini. La cooperativa ha inoltre ribadito che gli squali tigre, che arrivano a una lunghezza di più di 4,5 metri e a pesare oltre 600 chili, sono “specie protette” e che cacciarli è un reato. L’appello si è reso necessario dopo che alcuni residenti hanno organizzato una battuta di caccia per eliminare gli squali all’indomani della morte del turista italiano, come denunciato da un’altra cooperativa locale. San Andrès si colloca all’interno di una riserva dell’Unesco estesa per circa 180 chilometri quadrati nel dipartimento dipartimento dell’arcipelago di San Andrés, Providencia e Santa Catalina, appartenente alla Colombia politicamente ma distante centinaia di chilometri dalla costa del Paese sudamericano.

 

Fonte: Dire

(ph: Shutterstock)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.