Scienza e farmaci

Chikungunya: prime dosi vaccino in Europa nel quarto trimestre 2024

Via libera della Commissione europea dopo quello un mese fa dell'Ema

2 Luglio 2024

Sarà disponibile solo dopo l’estate il primo vaccino al mondo anti-Chikungunya, al quale la Commissione europea ha concesso in questi giorni l’autorizzazione all’immissione in commercio, dopo il via libera dell’Agenzia europea del farmaco Ema un mese fa. La società produttrice Valneva prevede di consegnare «le prime dosi in Europa nel quarto trimestre del 2024», ha comunicato il gruppo francese.

Il vaccino monodose Ixchiq*, già approvato negli Usa e in Canada, potrà essere somministrato agli over 18 per la prevenzione della malattia causata dal virus Chikungunya trasmesso dalle zanzare Aedes. Il via libera europeo – ricorda Valneva – si basa sui risultati di fase 3 pubblicati su The Lancet, che indicano per Ixchiq un tasso di risposta sierologica del 98,9% a 28 giorni con una singola vaccinazione. Questa risposta immunitaria è stata mantenuta per 24 mesi dal 97% dei partecipanti allo studio ed è stata ugualmente duratura nei più giovani e nei più anziani. Il mese scorso l’azienda ha riportato ulteriori dati positivi negli adolescenti 6 mesi dopo una singola vaccinazione, che supporteranno la richiesta di una potenziale estensione dell’autorizzazione al vaccino anche nella fascia d’età 12-17 anni. Secondo le attese, inoltre, questi dati sosteranno la licenza per Ixchiq in Brasile, che rappresenterebbe la prima approvazione in una popolazione con Chikungunya endemica.

Potrebbe interessarti anche:  Pasqua: i consigli dei pediatri Sipps

La richiesta avanzata all’agenzia regolatoria brasiliana Anvisa, con possibile via libera quest’anno, renderebbe il vaccino disponibile in alcuni Paesi a basso e medio reddito. Per migliorare l’accessibilità di Ixchiq in queste nazioni, Valneva ha collaborato con Cepi (Coalizione per le innovazioni nella preparazione alle epidemie) e Instituto Butantan in Brasile, nell’ambito di un accordo firmato tra Cepi e Valneva nel luglio 2019, che prevede un finanziamento fino a 24,6 milioni di dollari con il sostegno del programma Horizon 2020 dell’Ue. Il gruppo francese ha avanzato una domanda di via libera per il prodotto anche all’agenzia regolatoria britannica Mhra.

 

Fonte: Adnkronos Salute

(ph: Shutterstock)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *