Logo Lidl Italia
Dal mondo

Brasile: su ricerca e innovazione tagli del 90%

La legge sottrae più di 94,8 milioni di euro al Ministero della Scienza, della tecnologia e dell'innovazione

18 Ottobre 2021

Il Presidente brasiliano Jair Bolsonaro ha firmato una legge che sottrae più di 94,8 milioni di euro al Ministero della Scienza, della tecnologia e dell’innovazione, un taglio del 90% delle risorse disponibili. La riallocazione dei fondi, deliberata venerdì, era stata richiesta da una task force guidata dal Ministro delle Finanze Paulo Guedes.

Il budget risparmiato verrà diretto ai Ministeri dell’Agricoltura, dell’Educazione, della Sanità, della Comunicazione, dello Sviluppo regionale nonché a quello per la Cittadinanza. La misura è stata criticata dalla comunità scientifica, che in una nota ha condannato la nuova destinazione delle risorse: «Quando abbiamo più bisogno di scienza, il team economico agisce contro la legge, con manovre che suggeriscono una deliberata intenzione di danneggiare lo sviluppo scientifico del Brasile. Oltre a non sbloccare i 690 milioni di Brl (reais brasiliani ndr) a fronte degli impegni presi con il settore, sono ancora in attesa di stanziamento circa 2 miliardi di Brl dal Fondo nazionale per lo sviluppo scientifico e tecnologico (Fndct). La scienza deve essere prioritaria. La scienza è vita».

 

Con il Fndct si vuole finanziare l’innovazione e lo sviluppo scientifico-tecnologico, al fine di promuovere lo sviluppo economico e sociale del Paese. Il taglio nel settore minaccia lo sviluppo della ricerca e aumenta il timore della “fuga di cervelli”, ossia la scelta di scienziati e ricercatori di andarsene e di sviluppare il proprio lavoro in altri Paesi.

Nella classifica delle nazioni che riescono a trattenere i professionisti più qualificati, il Brasile ha perso 25 posizioni dal 2019 al 2020, passando dal 45esimo al 70esimo posto. Secondo un sondaggio realizzato dall’Instituto de pesquisa economica aplicada (Ipea), nel 2020 il governo federale brasiliano ha investito meno risorse per la scienza e la tecnologia che nel 2009.

 

Fonte: Dire

(ph: Imagoeconomica)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *