Economia e lavoro

Autonomia differenziata, Giorgetti: «Tasse per i cittadini resteranno invariate»

Il vertice del Mef in audizione parlamentare ha illustrato il piano di attuazione e le prospettive del federalismo fiscale, rassicurando i contribuenti

10 Luglio 2024

«In linea con gli impegni assunti al Pnrr, la legge delega di riforma fiscale 111/2023 ha individuato specifici principi e criteri direttivi affinché il Governo possa realizzare la piena attuazione del federalismo fiscale regionale, modificando il decreto legislativo 68/2011. La realizzazione del federalismo simmetrico prevede che a seguito dall’abolizione dei trasferimenti erariali, nelle Regioni a statuto ordinario dovrà essere assicurato un ammontare di risorse tale da lasciare in ogni caso invariata la pressione fiscale sui contribuenti». Lo ha detto il ministro dell’Economia e delle Finanze, Giancarlo Giorgetti, in audizione in commissione parlamentare per l’attuazione del federalismo fiscale sulle tematiche relative allo stato di attuazione e alle prospettive del federalismo fiscale. A tal fine, ha proseguito Giorgetti, «la compartecipazione all’Iva dovrà essere ripartita in base al principio di territorialità. Tale attività è oggetto di specifiche milestone del Pnrr, e sono in corso di definizione i trasferimenti alle Regioni a statuto ordinario che dovranno essere soppressi dal 2027, i necessari meccanismi per la fiscalizzazione dei trasferimenti, il principio di territorialità per l’attribuzione della compartecipazione Iva, i livelli essenziali delle prestazioni e le modalità di perequazione».

La commissione tecnica per i fabbisogni standard, ha spiegato il ministro, «ha redatto un documento finale che riporta l’elenco dei trasferimenti fiscalizzabili, che ammontano a circa 10 miliardi e riguardano ambiti rilevanti di competenza regionale come tpl, politiche per la famiglia, giovani e disabilità, politiche sociali per le non autosufficienze, agricoltura, istruzione, formazione professionale e diritto allo studio universitario».

Potrebbe interessarti anche:  Sanità, Nursing up su PNRR: «Senza infermieri rischia di finire in vicolo cieco»

Ora «il dipartimento degli Affari regionali sta tenendo riunioni per valutare come dar seguito a tale riforma. Nell’ambito dei trasferimenti da fiscalizzare, particolare attenzione dovrà essere riservata a quelli relativi al trasporto pubblico locale, che ammontano a 5 miliardi, la metà del totale».

 

Fonte: Dire

(ph: Imagoeconomica)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *