Logo Lidl Italia
Dal mondo

Australian Open, Zverev: «Qui non siamo controllati, pochi tamponi»

Il 24enne tedesco: «Credo che più di qualcuno abbia il Covid»

21 Gennaio 2022

Il Covid non ha lasciato gli Australian Open con Djokovic.

Alexander Zverev denuncia a sua volta i pochi controlli al torneo: «I giocatori non vengono sottoposti ai test. Possiamo andare fuori a mangiare, abbiamo il permesso di fare quello che vogliamo. È chiaro che ci si possa contagiare, anche perché nel Paese i casi aumentano. Credo che diversi giocatori avessero il Covid quando sono arrivati e più di qualcuno ce l’abbia anche adesso. Ma non siamo controllati, se lo fossimo credo che scopriremmo più positivi», avvisa il 24enne tedesco, vincitore della medaglia d’oro nel singolare a Tokyo 2020.

 

A spaventare i tennisti la positività di Ugo Humbert, sconfitto al primo turno, emersa solo al momento del suo rientro in Francia. «Sono qui per giocare il torneo – dice Zverev –. Essendoci molti casi a Melbourne, ho evitato di uscire, non sono stato in un ristorante. Solo campi e albergo, non voglio correre alcun rischio».

 

Fonte: Dire

(ph: Facebook Alexander Zverev)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.