Logo Lidl Italia
Focus Veneto

Anticorpi monoclonali: il Veneto punta a curare 220 pazienti a settimana

Finora hanno ricevuto anticorpi monoclonali 1.167 pazienti in tutta la regione

6 Settembre 2021

La vera sfida per l’uso degli anticorpi monoclonali nella lotta al Covid è quella di «raggiungere i pazienti che sono a casa con sintomi». A dichiararlo è la direttrice della direzione farmaceutico, protesica, dispositivi medici della Regione Veneto, Giovanna Scroccaro, che fa il punto sull’utilizzo di questa terapia a livello regionale.

 

«Il trend di utilizzo è in aumento, siamo passati da poche decine di pazienti trattati la settimana ai 109 pazienti trattati la settimana scorsa» racconta. Considerando però che nella stessa settimana i positivi individuati sono circa 3.000, di cui la metà circa con sintomi, e che tra quelli con sintomi 144 hanno più di 65 anni e 81 presentano fattori di rischio, «se noi trattassimo anche solo questi arriveremo a circa 220 pazienti la settimana, che è quindi il nostro target. Vorremmo arrivare a questi numeri», afferma Scroccaro.

 

Finora in Veneto hanno ricevuto anticorpi monoclonali 1.167 pazienti in tutto, con 738 casi chiusi di cui l’89% è guarito senza dover ricorrere a cure ospedaliere. Il 10% dei pazienti è invece stato comunque ricoverato e cinque sono deceduti, di qui quattro per effetto del Covid. Nessuno è invece deceduto per effetti correlati agli anticorpi monoclonali.

 

Fonte: Dire

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *