Logo Lidl Italia
Benessere animale

Animali: con la primavera tornano insidie e rischi per cani e gatti. Ecco cosa fare

Zecche, zanzare e pappataci: quali sono i nemici più comuni della bella stagione e come affrontarli

11 Aprile 2022

Con l’inizio di aprile, tornano giornate più luminose e temperature gradevoli, perfette per ripartire con le attività all’aria aperta insieme ai nostri amici a quattro zampe. Per un ritorno al parco in sicurezza, al riparo da pericoli e insidie, ecco una breve guida stilata da Valentina Fiorbianco, Medico Veterinario.

«Il primo pericolo da scongiurare durante le passeggiate al parco o una gita in campagna è sicuramente la zecca. Questo insetto, pericoloso anche per l’uomo per le malattie infettive che può trasmettere, è infatti ormai presente tanto in aperta campagna, nei boschi o nei campi, quanto nelle aree verdi delle nostre città. È quindi sempre importante fare attenzione e controllare il manto dei nostri animali, per evitare di introdurla anche nelle nostre abitazioni».

 

La bella stagione è poi un forte richiamo per le zanzare, un fastidio non solo per l’uomo ma anche per cani e gatti. «Zanzare e pappataci iniziano a diffondersi con l’aumentare della temperatura  ̶  ricorda la dottoressa Fiorbianco – un’insidia a cui dobbiamo prestare la massima attenzione perché le prime possono trasmettere la filaria, mentre i pappataci o flebotomi, la Leishmania; patologie che possono arrecare un grave danno alla salute del nostro cane ed è quindi necessario prevenire».

 

Se un tempo era valida la regola per cui alcuni insetti erano confinati all’interno di Regioni ben precise, è il caso delle zanzare portatrici della filaria più diffuse al nord e dei pappataci più diffusi al sud, oggi, a causa dei cambiamenti climatici è bene fare attenzione e proteggere i propri animali a prescindere dalla zona in cui si abita. «Oggi questi confini – continua la dottoressa Fiorbianco – non hanno più molto significato: zanzare e pappataci si espandono molto velocemente ed è quindi opportuno affrontare un percorso di protezione per quanto riguarda i cani. Si può per esempio partire dagli antiparassitari repellenti per allontanare gli insetti: parliamo di spot on (pipette con liquido da applicare sulla cute) o i collari. Quale scegliere? Parlatene col vostro veterinario che conosce il vostro cane, le sue abitudini e la soluzione migliore».

 

Per quanto riguarda i nostri gatti, invece, le cose sono diverse: «I principi attivi repellenti possono essere gravemente tossici, per loro infatti esistono prodotti appositi. Ce ne sono molti disponibili sul mercato ma per scegliere quello più adatto è sempre meglio farsi guidare dal veterinario». Ma non solo, i parassiti sono un pericolo per entrambi, cani e gatti e le linee guida di prevenzione sono chiare: «La protezione dai parassiti (pulci, zecche e parassiti interni), va fatta preferibilmente tutto l’anno anche se in questo momento è sicuramente obbligatoria. Per cani e gatti la scelta dei prodotti più indicati e il calendario ideale di somministrazione deve essere concordato con il proprio veterinario di fiducia».

 

Cinque regole per tenere al sicuro il proprio pet durante la stagione primaverile:

 

  1. Visite ed esami di controllo (sangue e urine) almeno una volta l’anno: anche se li vediamo vivaci e in salute, gli animali possono avere malesseri o piccoli problemi; anche per loro, come per le persone, un check periodico è consigliato.
  2. Profilassi: va fatta tutto l’anno sia per parassiti interni che per quelli esterni, così come per le malattie infettive con vaccini e con i richiami vaccinali che non devono essere mai dimenticati.
  3. Esami delle feci: soprattutto in primavera, sono utili per verificare la presenza di parassiti interni.
  4. Attenzioni speciali per i cani e gatti brachicefali: per chi possiede un cane o un gatto brachicefalo, è importante verificare con un esame cardiologico e respiratorio lo stato di salute, perché i caldi che stanno arrivando sono davvero pericolosi.
  5. In viaggio sì, ma con attenzione: se si stanno pianificando le vacanze la raccomandazione è di verificare con il veterinario se la destinazione scelta è adatta per il proprio pet e se servono passaporto o certificazioni di salute.

 

Come per gli umani, anche per i nostri amici pet la raccomandazione è sempre la medesima: a prescindere dalle stagioni o dall’età del nostro pet, la prevenzione è fondamentale. Sottoporre i nostri amici animali a visite periodiche e accertarsi che siano protetti, in ogni occasione da qualsiasi tipo di attacco esterno, garantirà loro una vita lunga e in salute.

 

(ph: Shutterstock)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.