Logo Alperia
Scienza e farmaci

Alzheimer, in Italia oltre 1.480.000 persone ne soffrono

Si stima che entro il 2050 aumenteranno del 56%

1 Settembre 2022

In occasione del XI Mese Mondiale Alzheimer, la Federazione Alzheimer Italia si fa portavoce nel Paese dell’appello che il suo partner internazionale Alzheimer’s Disease International (Adi) lancia a governi e organismi di sanità pubblica, oltre che all’Organizzazione mondiale della sanità. Si invita ad attivare  le misure necessarie a garantire il corretto supporto post-diagnostico a tutte le persone con demenza. Questo, in particolare dopo la pubblicazione dei nuovi dati sulle persone che ne soffrono: una ricerca dell’Institute of Health Metrics and Evaluation dell’Università di Washington pubblicata sulla rivista Lancet stima infatti che in Italia ci siano attualmente 1.487.368 persone con demenza.

Questo numero è destinato ad aumentare del 56% entro il 2050, quando le persone con demenza saranno 2.316.951.

Il Mese Mondiale dell’Alzheimer è una campagna annuale di sensibilizzazione sulla consapevolezza della malattia, ma anche mira a combattere lo stigma che ancora colpisce le persone con demenza e i loro familiari. Il tema guida di questo XI Mese Mondiale Alzheimer è ‘Conosci la demenza, conosci l’Alzheimer’ e mette l’accento sull’importanza di diffondere la conoscenza della malattia, con particolare attenzione al trattamento post-diagnostico e al supporto per coloro che vivono con la demenza.

<<L’Italia è stata uno dei primi paesi ad avere un Piano nazionale sulle demenze, che ha però ricevuto i primi fondi soltanto nel 2021- sottolinea Gabriella Porro, presidente di Federazione Alzheimer Italia- È stata anche definita la ripartizione di questi fondi tra le Regioni, ma tutto questo non basta: ancora oggi in Italia assistiamo a grandi disparità tra Regioni per quanto riguarda i servizi offerti. È importante che la politica ne prenda atto>>.

Fonte: Dire

(ph. Shutterstock)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.